rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Cronaca Zona Industriale / Viale delle Nazioni

Poste Italiane: “Nessuna giacenza, sappiamo gestire il traffico”

Poste Italiane smentisce la Cgil e spiega come l'azienda sia perfettamente attrezzata per gestire i picchi di corrispondenza tipici del periodo natalizio. “La riorganizzazione delle zone ci permette di mantenere la competitività sul mercato”

Dopo le accuse e i timori espressi dalla Cgil modenese sulla riorganizzazione di Poste Italiane e sulla denunciata incapacità di sostenere il servizio di corrispondenza, arriva la replica dei diretti interessati. “Il Centro di Recapito di Modena è perfettamente in grado di gestire i picchi di traffico dovuti all’approssimarsi del periodo natalizio – sottolinea Poste Italiane, che spiega - I mesi finali dell’anno, infatti, sono sempre stati caratterizzati da un aumento dei flussi di corrispondenza, ma quantitativi di prodotto presenti e in arrivo nei centri di distribuzione di Modena sono perfettamente in linea con i picchi del periodo e al momento non ci sono giacenze”.

Accuse rispedite al mittente insomma: “La riorganizzazione delle zone di recapito, realizzata anche con il contributo delle parti sociali, è solo una delle molteplici azioni che Poste Italiane ha messo in campo per mantenere inalterata la competitività sul mercato dei servizi postali tradizionali, che è in una fase di contrazione in tutti i Paesi del mondo”, scrivono dall'ufficio Comunicazione di Bologna.

“Grazie ad importanti investimenti in innovazione tecnologica sul mondo del recapito postale, i numerosi elementi innovativi consentono a Poste Italiane di rispondere sempre meglio alle esigenze dei clienti”, si difende il vettore nazionale. Tutti i 128 portalettere di Modena, infatti, sono dotati di palmare (per la tracciatura della corrispondenza) e pos (per effettuare pagamenti a domicilio con moneta elettronica). “Dal mese di novembre i portalettere sono impegnati inoltre anche nel recapito di piccoli pacchi provenienti dal mondo dell’e-commerce. Si tratta di un mercato in forte espansione con altissime potenzialità di crescita che ad oggi nella la città di Modena si è concretizzato nella gestione delle attività di consegna di pacchi con piena soddisfazione sia del cliente mittente che del  destinatario”.

Per quanto riguarda la paventata consegna della corrispondenza a giorni alterni nelle zone rurali, Poste italiane precisa che eventuali riorganizzazioni in tal senso, peraltro previste dallo stesso Contratto di Programma, sono allo stato attuale solo in fase di studio.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Poste Italiane: “Nessuna giacenza, sappiamo gestire il traffico”

ModenaToday è in caricamento