rotate-mobile
Venerdì, 19 Agosto 2022
Cronaca

La Secchia Rapita di Montanari, 450 anni dalla morte di Alessandro Tassoni

La Secchia Rapita rivive grazie al nuovo libro di Gian Carlo Montanari, presentato questa mattina in Comune. 450 anni dopo la morte di Alessandro Tassoni arriva questa nuova lettura dello scrittore modenese perché sia più vicino al giorno d'oggi

La Secchia Rapita e il suo autore Alessandro Tassoni sono tornati alla ribalta oggi in Comune con la presentazione del libro di Gian Carlo Montanari "Attualitá e meraviglie de la Secchia rapita". Molti i presenti in oggi in Comune per la presentazione del volume, che vuole riavvicinare i modenesi ad un testo che racconta di una delle storie più famose di guerra e di costume nelle vicende militari tra Modena e Bologna. 

A 450 anni dalla nascita dello scrittore Tassoni, Montanari ha voluto raccontare nel suo volume quanto questo testo sia più attuale che mai, oltre che nascondere tante meraviglie, per esempio svelando le origini di alcuni nostri piatti. "Non é facile per un giovane oggi avvicinarsi ad un poema - commenta il sindaco Muzzarelli - ma proprio a loro la lettura di un testo come questo puó risultare particolarmente gradita, con suggestioni e fantasia."

E’ stato il sindaco Gian Carlo Muzzarelli ha ricordare la definizione di Montanari per sottolineare come il suo libro possa aiutare tutti ad avvicinarsi, o riaccostarsi, alla lettura del poema o impegnarsi nella sua divulgazione. Due in particolare i pregi del libro: la classificazione dei nomi, reali o immaginari, della geografia dei luoghi e dei numeri di fanti e cavalieri, donzelle e contadini che compaiono nel poema, a cui si aggiunge un approfondimento sulla figura del conte di Culagna “la figura più reale e tragicomica di tutto il poema eroicomico tassoniano”, come scrive lo stesso Montanari.

In particolare, il 6 e 7 novembre è in programma il convegno “Alessandro Tassoni. Letterato, erudito, diplomatico nell’Europa dell’età moderna” (organizzato dal Dipartimento di Studi linguistici e culturali dell’Università di Modena e Reggio Emilia e dal Dipartimento di Filologia, Letteratura e Linguistica dell'Università di Pisa), sempre il 7 si svolge la decima edizione del Premio Alessandro Tassoni a cura dell’Associazione culturale Le Avanguardie e della rivista Bollettario, in collaborazione con il Comune e la Biblioteca Estense Universitaria, mentre il 12 dicembre inaugura a Palazzo dei Musei la mostra “Alessandro Tassoni. Spirito bisquadro”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Secchia Rapita di Montanari, 450 anni dalla morte di Alessandro Tassoni

ModenaToday è in caricamento