rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Cronaca

Eventi in città, l'estate modenese raggiunge 100mila presenze

Apprezzamento e partecipazione alle iniziative che hanno affiancato quelle ai Giardini. Soddisfazione da parte dell'amministrazione per la risposta agli eventi estivi di questa prima parte. In 10mila solo al Radio Bruno Estate

Sono state oltre centomila le presenze contate a fine luglio ai diversi appuntamenti dell’Estate Modenese 2015, che prosegue ancora fino alla fine di agosto. E questi numeri non comprendono quelli dei Giardini, fino all’anno scorso “epicentro” delle iniziative organizzate dal Comune, quest’anno teatro di incontri e spettacoli legati a Expo e a Piacere Modena, che si sono svolti nell’arco dell’intera giornata all’insegna di cultura, enogastronomia e promozione delle eccellenze locali.

“La nostra soddisfazione non guarda solo ai numeri, che pure sono importanti – commenta Gianpietro Cavazza, assessore alla Cultura – ma anche alla capacità di fare bene insieme, sia nel piccolo sia nel grande, dimostrata dai diversi attori che hanno partecipato alla costruzione del programma. Avevamo invitato a fare rete e ricercare innovazione e dimensione sociale degli appuntamenti, inserendo queste caratteristiche tra quelle premianti per assegnare contributi, e la risposta è stata positiva. L’appuntamento di Ferragosto che inizia con visita guidata al Duomo e culmina in uno spettacolo musicale e di narrazione storica in piazza XX settembre è un buon esempio di sinergia fra associazioni, che unisce cultura e divertimento”.

Circa tremila persone hanno seguito la Festa della Musica del 21 giugno che ha inaugurato la stagione, per la quale l’evento di maggior successo è stato il Radio Bruno Estate in piazza Grande con oltre 10mila partecipanti, mentre anche l’Opera, ospitata per la prima volta nel Cortile d’Onore dell’Accademia con il “Barbiere di Siviglia”, ha fatto registrare il tutto esaurito in una serata caldissima. A questo proposito va sottolineato come sui numeri pesi sempre il fattore clima, nel bene e nel male. Rispetto a tanti appuntamenti saltati l’anno scorso per maltempo, quest’anno le alte temperature non sempre invitavano a uscire volentieri.

Ciononostante il Supercinema Estivo si è rivelato sempre graditissimo, con 4150 presenze in giugno e 11.666 in luglio (588 in più rispetto al 2014).

È stato molto apprezzato il Modena Jazz Festival, con oltre tremila spettatori ai vari concerti tra largo Sant’Eufemia e piazza XX settembre, dove ai Martedì di giugno di Modenamoremio hanno partecipato in oltre mille, e dove gli appuntamenti del “Salotto” in luglio hanno interessato circa 4mila persone. Bene le serate al Tempio e conferme per le iniziative dei Fusorari in piazzale Torti con oltre mille partecipanti agli appuntamenti tra metà giugno e metà luglio, e aumento del 20 per cento delle presenze alle serate musicali “giovani” dell’Estatoff, dove la programmazione differenziata per generi, prezzi contenuti e divertimento “inclusivo” hanno coinvolto oltre 12mila ragazzi e ragazze. La ricerca e l’apertura di nuovi spazi ha portato buoni frutti: l’edizione di “Giardinner” sulla satira a cura della associazione La Piattaforma ha visto passare dal S. Filippo Neri e dall’ex Manifattura oltre duemila ragazzi in due sere, mentre le attività sceniche del Teatro dei Venti al parchetto di San Giovanni Bosco sono state seguite da un migliaio di persone  che hanno assistito a due spettacoli al chiuso e a due all’aperto. Altra novità di successo il contest internazionale di marching band “Quando la banda passò” che, dopo una sfilata spettacolare in centro storico, ha registrato oltre 2mila spettatori paganti al Campo scuola della Fratellanza. Stagione di grande soddisfazione anche per i parchi, con il Millybar al parco Ferrari che ha contato circa 1800 spettatori al Festival Blues e 800 alle serate con il Vibra, mentre il Loving al parco Amendola si conferma capace di molteplici attività di grande frequentazione (stimate decine di migliaia di presenze), a partire dal Modena Busker Festival e dai concerti per arrivare ai corsi e alle iniziative di tante associazioni.

“L’estate si conferma stagione in cui cultura e socialità vanno piacevolmente ‘a braccetto’ – sottolinea Cavazza - favorendo le possibilità d’incontro, le occasioni di uscire, il ritrovarsi e lo stare insieme in una città che non si svuota più come una volta e dove anche i monumenti e i servizi culturali sono una opportunità importante, e non solo per i modenesi. Ricordo al proposito – conclude l’assessore - che i Musei civici, il Museo della Figurina e la Galleria civica sono rimasti aperti in agosto e che la biblioteca Delfini ha chiuso una sola settimana, mentre anche nel giorno di Ferragosto si potrà visitare la Girlandina e il Duomo a orario continuato e approfittare del Biglietto unico per il sito Unesco. Dall’inizio dell’esperienza, il primo maggio, ne sono stati venduti oltre mille, e sono già 11mila le persone salite sulla Torre civica simbolo della città”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Eventi in città, l'estate modenese raggiunge 100mila presenze

ModenaToday è in caricamento