Un laboratorio segreto per produrre vestiti contraffatti, azienda carpigiana nei guai

La finanza ha sequestrato 2.500 indumenti delle grandi maisons internazionli, abilmente contraffatti in un magazzino secondario della ditta di confezioni. Trovati 15 clichè di stampa

Nei giorni scorsi i militari della Compagnia della Guardia di Finanza di Carpi hanno individuato un magazzino, sede di una società gestita da un imprenditore italiano e attiva nella produzione e confezione di abbigliamento, all’interno del quale hanno rinvenuto numerosi capi di abbigliamento riportanti marchi riconducibili a note case (tra cui Versace, Christian Dior, Fendi, Chanel, Adidas, Nike, Valentino, Balenciaga) in merito ai l’azienda controllata non è stata in grado di esibire alcuna licenza di produzione o di lavorazione.

In particolare, constatata l’impossibilità del titolare dell’azienda ad esibire la documentazione attestante la regolarità della merce rinvenuta

Le Fiamme Gialle hanno effettuato una perquisizione dell’intero magazzino, nonché di un’ulteriore unità locale con sede in Carpi, dove hanno rinvenuto, nel complesso, 2.546 capi contraffatti e 15 cliché (le lastre per la stampa, ndr) utilizzati per l’illecita produzione, sottoposti a sequestro quali prodotto e mezzo del reato di contraffazione e alterazione di marchi, punito dall’art. 473 del codice penale.

Il responsabile è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Modena, che ha convalidato il sequestro sia dei clichè che dei capi contraffatti, di elevata fattura, il cui valore sul mercato supera i 200.000 euro

I successivi approfondimenti, inoltre, hanno consentito di accertare che la società in questione acquistava in proprio la materia prima (filati) e, in totale autonomia, provvedeva a produrre e confezionare i capi di abbigliamento con i loghi abilmente alterati, che, anche attraverso il proprio sito web, rivendeva ad operatori del settore.

Gli interventi della specie, rientranti nella più ampia attività di controllo economico del territorio promossa dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Modena, continuano a perseguire il plurimo obiettivo di tutelare gli acquirenti - anche attraverso il ritiro dal commercio di prodotti contraffatti – di tutelare i marchi e di riportare sui giusti livelli i parametri della libera concorrenza, minata da coloro i quali pongono in vendita a prezzi evidentemente più concorrenziali, merce riportante marchi di vendita falsi, aiutando l’economia legale ed il sano funzionamento del tessuto produttivo rappresentato dalle imprese sane espressione del reale volano dell’economia del Paese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna verso il ritorno in zona gialla, "Ma evitiamo terza ondata"

  • Addio a Benny, l'imprenditore dei bar modenesi

  • Carpi, presentata istanza di fallimento per la Arbos

  • Bonaccini annuncia: "Torneremo zona gialla, ma fra una settimana"

  • Nuova ordinanza regionale, riaprono i negozi di piccole e medie dimensioni

  • Coronavirus, casi stabili in regione. A Modena un nuovo picco

Torna su
ModenaToday è in caricamento