rotate-mobile
Martedì, 16 Agosto 2022
Cronaca Sassuolo

Sassuolo, profughi al lavoro insieme agli operai comunali

Gli stranieri richiedenti asilo trasferiti sotto il Campanone hanno appena terminato il corso sulle principali norme in tema di Sicurezza sul Lavoro e, da qualche giorno affiancano gli operai del Comune di Sassuolo nei lavori utili per la città

“Come già anticipato nelle scorse settimane – afferma l’Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Sassuolo Antonella Vivi – i migranti ospitati a Sassuolo nell’ambito dell’operazione “Mare Nostrum”, dopo aver svolto un percorso di formazione per far si che fossero in regola anche dal punto di vista assicurativo, stanno ricambiando l’ospitalità ricevuta dalla nostra città con piccoli lavori manuali, a sostegno delle operazioni svolte quotidianamente dalla squadra operai del Comune di Sassuolo. Sono suddivisi in gruppi di tre ed affiancati da operai comunali, con buoni risultati e la soddisfazione di tutti”. I profughi "sassolesi" hanno infatti iniziato il loro impegno volontario negi giorni scorsi insieme agli operai del Comune, per l'allestimento delle iniziative culturali estive.

Il Piano di accoglienza migranti denominato “Mare Nostrum” è affidato direttamente dal Ministero dell’Interno alle Prefetture che provvedono all’accoglienza dei migranti, assegnati alle stesse nell’ambito di una ripartizione regionale e quindi provinciale, attraverso  l’affidamento della loro gestione a soggetti terzi selezionati mediante gara pubblica.  Sul territorio della provincia di Modena, la Prefettura  ha affidato la gestione alla Coop. sociale Caleidos di Modena.

Il 10 giugno scorso l’Unione dei Comuni ha siglato in Prefettura un Protocollo d’intesa avente per oggetto la “realizzazione di percorsi di accesso al volontariato rivolti a persone inserite nell’ambito di programmi governativi di accoglienza per richiedenti protezione internazionale”, proprio “per definire  percorsi di accoglienza e integrazione a favore di migranti che permettano di conoscere il contesto sociale attraverso attività di volontariato a favore della collettività ospitante e che promuovano la formazione di una conoscenza della partecipazione” . 

In particolare per il territorio del comune di Sassuolo i migranti sono iscritti al “Registro comunale dei volontari singoli del servizio civico di comunità”, analogamente agli altri cittadini, al fine di “definire” la loro posizione, anche dal punto di vista assicurativo. Sono poi state sperimentate le prime forme di coinvolgimento in attività di pubblica utilità (spalatura neve, allestimento concerti del 2 giugno).  Da qualche settimana, suddivisi in gruppi di tre, stanno aiutando la squadra operai nei lavori quotidiani come, è il caso di oggi, la sistemazione degli allestimenti per i “Giovedì sotto le stelle”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sassuolo, profughi al lavoro insieme agli operai comunali

ModenaToday è in caricamento