rotate-mobile
Cronaca

Sicurezza stradale: alcol o droga per il 7% dei conducenti

Lunedì 17 giugno un corso rivolto a gestori e addetti ai locali di intrattenimento. Iniziativa del protocollo "Drugs on Street" e con il Manifesto Notte responsabile

Da inizio anno, sulla base di 17 controlli svolti sulle strade modenesi secondo il protocollo “Drugs on Street”, che vede la presenza congiunta di forze dell’ordine e personale sanitario, ogni cento conducenti di veicoli esaminati, ben sette (il 6,9 per cento) sono risultati essere alla guida in stato psicofisico alterato a causa di alcol o droghe. I controlli continueranno settimanalmente anche nei prossimi mesi, nel frattempo è stata avviata un’attività di informazione e sensibilizzazione sugli effetti sulla guida di alcol e stupefacenti che coinvolge anche i gestori e gli addetti dei locali di intrattenimento. A loro è rivolto, in particolare, il corso in programma lunedì 17 giugno, dalle 14 alle 18, al Comando di Polizia municipale di Modena. Per informazioni: ufficio Politiche delle Sicurezza tel. 059 2032963 oppure Centro studi Politiche giovanili tel. 059 2034848.

Tra gli argomenti del corso, che si svolge nell’ambito delle attività previste dal Manifesto della Notte responsabile, siglato da Comune di Modena e associazioni di categoria (Cna, Lapam, Confesercenti, Confcommercio), ci sono, appunto, gli effetti e le conseguenze di alcol e droghe sulla salute e sulla guida; gli aspetti sociali, psicologici, relazionali e il rapporto con clienti a rischio; la normativa sulla vendita e la somministrazione di alcol; il Codice della Strada e le conseguenze penali e amministrative della guida sotto effetto di sostanze; oltre ad approfondimenti sugli interventi di prevenzione e sui controlli e le ordinanze. Tra i relatori ci sono esperti e psicologi del Sert, operatori di Polizia municipale e sociologi.

Il Manifesto si propone di favorire il divertimento all’insegna del benessere per tutti facendolo convivere con il rispetto per gli altri, il consumo responsabile di alcolici, la tutela della salute, la sicurezza stradale e il ritorno a casa senza rischi.  Il corso rientra nel progetto territoriale “Prevenzione e contrasto alla guida sotto l’effetto di sostanze psicoattive” finanziato dal Dipartimento Politiche Antidroga – Presidenza del Consiglio dei ministri per l’attuazione del protocollo “Drugs on street” che, oltre ai controlli stradali, prevede infatti azioni formative, educative e di sensibilizzazione. Nell’ambito di questa attività è prevista anche la distribuzione nei locali di locandine sulle norme del Codice della strada per la guida in stato psicofisico alterato.

A livello territoriale il progetto è coordinato dalla Prefettura di Modena e dall’assessorato a Sicurezza e Qualità della città del Comune di Modena. Nei controlli stradali sono coinvolte tutte le forze dell’ordine, la Polizia municipale e i sanitari del Sert, oltre agli altri partner del progetto: Azienda ospedaliera Universitaria di Modena - Tossicologia Forense e la Motorizzazione civile che intervieni nei controlli mirati all’autotrasporto in cui è impiegato il mezzo speciale del ministero dei Trasporti. Nei 17 interventi effettuati da febbraio secondo il protocollo “Drugs on Street” sono stati controllati 681 conducenti: 41 soggetti sono stati trovati positivi all’etilometro, mentre 67 sono stati sottoposti agli esami a cura del personale sanitario con 16 casi positivi alle droghe, dieci dei quali erano risultati positivi anche all’etilometro. Sono stati quindi complessivamente 47 i soggetti che si trovavano alla guida in stato psicofisico alterato per alcol o droghe o per entrambe le sostanze.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sicurezza stradale: alcol o droga per il 7% dei conducenti

ModenaToday è in caricamento