Domenica, 19 Settembre 2021
Cronaca Ospedale Universitario / Via del Pozzo

Provocazioni anti Green Pass al Policlinico, l'Azienda valuta azioni legali

Il Direttore Vagnini esprime vicinanza al personale dopo le incursioni degli attivisti, che nei giorni scorsi si sono svolte anche presso le scuole Ferraris

La Direzione Generale dell’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Modena condanna con forza il gesto di alcuni cittadini che, nei giorni scorsi si sono recati al Policlinico di Modena, per portare avanti azioni di disturbo verso il personale del Pronto Soccorso e quello del Punto d’Accesso dell’ingresso principale, impegnato a verificare la presenza dei requisiti di accesso alla struttura in base alla normativa di prevenzione e contenimento della pandemia.

Si tratta di un piccolo gruppo ormai noto da alcuni mesi in città, guidato da Marcello Scunzani, già protagonista della consegna del pacco a casa di Bonaccini nel mese di aprile. Questi sta continunando con le proprie azioni, poi diffuse sui canali social, per contestare le norme in vigore, dall'uso della mascherina fino alla più recente introduzione del Green Pass. Una campagna sistematica, che fa leva sulla richiesta di accedere a determinati luoghi anche senza certificazione verde, paventando (o effettuando realmente) denunce per violenza privata ai carico dei gestori delle strutture che giustamente si rifiutano di far entrare chi non è in regola.

Venerdì pomeriggio, i cittadini hanno provocato il personale del Pronto Soccorso e domenica pomeriggio hanno ripetuto il gesto al Punto di Accesso e nell'atrio principale del nosocomio. In entrambi i casi è intervenuta la Vigilanza privata e domenica anche le forze dell’ordine. Polizia e Carabinieri in queste settimane sono dovuti intervenire più volte per sedare questo tipo di controversie.

“Desidero anzitutto complimentarmi col nostro personale – commenta il Direttore Generale Claudio Vagnini – che ha saputo gestire con professionalità la situazione, in un contesto in cui la priorità va alla sicurezza dei cittadini che vengono all’ospedale con un problema sanitario reale e non per provocare. Le regole di accesso agli ospedali, infatti, sono pensate per garantire la sicurezza di tutti in una situazione dove l’emergenza è lungi dall’essere superata. Le azioni di questi provocatori, invece, intralciano l’attività dei sanitari e quindi danneggiano tutti. Per questo motivo ho dato mandato al nostro Ufficio Legale di valutare le azioni più opportune tutelare il personale, i pazienti e i loro famigliari.”

Paziente senza Green Pass respinta all'accettazione del Policlinico, è polemica

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Provocazioni anti Green Pass al Policlinico, l'Azienda valuta azioni legali

ModenaToday è in caricamento