Attaccata da uno sciame di vespe, 68enne salvata nei boschi di Fanano

Intervento dei tecnici del Soccorso Alpino Emilia Romagna insieme al 118 e ai carabinieri. I farmaci hanno scongiurato lo choc anafilattico

Questo pomeriggio nei boschi di Fanano una 68enne ha riportato più punture di vespa mentre cercava funghi vicino al torrente di Fellicarolo, insieme al marito e un amico. L'ipotesi è che nel camminare abbia schiacciato un piccolo nido sotto a un sasso, causando la fuoriuscita degli insetti.

È successo verso le 15.30: la donna, S.M. le iniziali, residente a Vignola, ha riportato 7-8 punture in diverse parti del corpo, evidenziando subito un malessere che poteva condurre allo choc anafilattico se non ci fosse stato rapido intervento di soccorso. L'allarme è stato dato dal marito: sul posto i tecnici Saer assieme ai carabinieri e i sanitari 118 di Fanano, aiutati a raggiungere il luogo impervio 500 metri a monte del ponte, sulla sponda destra.

Alla donna sono stati somministrati farmaci che hanno scongiurato lo choc, poi i tecnici Saer hanno aperto un varco nella vegetazione per permettere all'elicottero 118 di Pavullo di caricare la 68enne, un volta stabilizzata, col verricello per condurla all'ospedale di Pavullo, in condizioni ritenute a questo punto non più gravi. Punto anch'egli da una vespa, il marito non ha avuto necessità di ricovero. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Indagine sui prezzi nei supermercati: Esselunga e Coop si dividono la spesa online

  • Secchia e Panaro in piena, i ponti restano chiusi. Si contano i danni per gli allagamenti

  • Si cappotta con l'auto lungo la Circondariale, muore un giovane a Fiorano

  • Niente comizio in centro per Salvini. E le "sardine" si spostano in Piazza Grande

  • Il Panaro raggiunge livelli ciritici, chiude via Emilia. La situazione della viabilità

  • L'acqua filtra nelle cisterne, automobilisti in panne al distributore

Torna su
ModenaToday è in caricamento