menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Raid vandalico al circolo cinofilo, locali devastati e quaglie rubate

Una vera e propria devastazione quella lasciata dai vandali che la scorsa notte hanno preso di mira il circolo La Graziosa di San Cesario. Sui muri frasi ingiuriosi e la firma dell'Animal Liberation Front, associazione nota per le molti episodi analoghi

Amara sorpresa per i gestori e i frequentatori del circolo cinofilo La Graziosa, situato nelle campagne di San Cesario sul Panaro, che questa mattina hanno scoperto l'opera devastatrice commessa nella notte precedente da vandali senza scrupoli. Lo scenario che si è presentato è desolante. Gli infissi spaccato in due differenti locali che compongono la sede del circolo erano solo il preludio ad un'opera di distruzione sistematica messa in atto all'interno.

Frigoriferi e arredi gettai a terra, centinaia di stoviglie distrutte sia nei locali cucina che nel bar, ogni genere di suppellettile rotto da una furia cieca. Persino due motorini, vecchi modelli tipo Ciao, vandalizzati e poi gettati all'interno della sala refettorio. Anche un container posto nel cortile e adibito a pollaio per le quaglie è stato forzato e i volatili sono stati portati via.

A corollario di tutto questo le scritte realizzate con vernice spray con frasi ingiuriose e il simbolo simile a quello anarchico che rappresenta A.L.F., ovvero l'Animal Liberation Front, una organizzazione internazionale con attivisti anche nel nostro Paese che declina la battaglia animalista con veri e propri atti criminali, come in questo caso su cui sono stati chiamati ad indagare i Carabinieri di Castelfranco Emilia.

A finire nel mirino del gruppo di vandali sono state quindi le attività del circolo, che dal 2005 è attivo in quell'area e che dispone in via Viazza di un vasto appezzamento di sei ettari in cui i cani possono essere addestrati a puntare le quaglie. "Qui nessuno spara - ha sottolineato il responsabile del circolo Mauro Beggi - nessun animale viene ucciso, ma forse ai vandali questo non interessa". Molto rammarico fra gli anziani radunati anche oggi pomeriggio nel cortile, che si interrogano su un gesto talmente efferato che sfugge alla comprensione. "Ogni anno svolgiamo tante attività di beneficenza per la comunità di San Cesario, per i bambini e per i disabili. Quelle risorse ora serviranno per pagare i danni e riprendere l'attività".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento