rotate-mobile
Cronaca Finale Emilia / Via Francesco Cassetti

Rapina un bar pistola in pugno, 56enne disoccupato in manette

Con il volto coperto, ha puntato un'arma contro la barista ed è scappato con 700 euro. È però durata soltanto poche ore la latitanza di un finalese, rintracciato nella sua abitazione dai Carabinieri. Si è giustificato spiegando le proprie difficoltà economiche

Si è conclusa in tempi davvero brevi l'avventura criminale di un 56enne residente a Finale Emilia, che oggi ha deciso di improvvisarsi rapinatore, riuscendo a mettere a segno un colpo a mano armata al bar "Sole e sapori", nella periferia del paese della Bassa.

L'uomo, armato di pistola e con il volto coperto da una sciarpa e da un cappello, ha fatto irruzione nel locale poco dopo l'aperura, minacciando una delle dipendenti dietro il bancone e facendosi consegnare il denaro. Raggranellato un bottino di 700 euro, il rapinatore è uscito a piedi e si è allontanato facendo perdere le proprie tracce.

Immediatamente è partito l'allarme al 112, con i Carabinieri di Finale che si sono portati sul posto per raccogliere la denuncia dei gestori del locale. Le indagini sono durate davvero poche ore, tanto che in tarda mattinata il colpevole era già stato identificato e arrestato. L'esperienza dei militari ha permesso infatti di scoprire che l'autore della rapina era un avventore del bar stesso, un uomo di 56 anni. 

Raggiunto a casa dagli uomini dell'Arma, il rapinatore ha confessato tutto, riconsegnando anche il denaro e spiegando di aver gettato la pistola fra la vegetazione mentre rientrava verso il proprio appartamento. Sconsolato, ha confidato ai Carabinieri tutta la propria disperazione, spiegando di essere rimasto da mesi senza lavoro e di avere grosse difficoltà economiche. Ciò non ha tuttavia potuto impedire l'arresto. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapina un bar pistola in pugno, 56enne disoccupato in manette

ModenaToday è in caricamento