menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto di repertorio)

(foto di repertorio)

Anziano rapinato in casa e massacrato di botte, 35enne in carcere

I Carabinieri hanno arrestato uno straniero che ha approfittato del legame creato con un 76enne pavullese per poi rubargli 350 euro e picchiarlo con un bastone. L'uomo è in prognosi riservata

Tra i due esisteva una conoscenza occasionale, nato di fatto in paese davanti a diversi bicchieri di vino. Due "compagni di bevute" che si erano conosciuti per caso e frequentati altrettanto casualmente per un po' di tempo, con qualche invito a casa per aprire altre bottiglie in compagnia. E' la vicenda che ha legato un 76 enne di Pavullo, che vive solo, e un 35enne di nazionalità marocchina, ma che purtroppo si è interrotta in un modo drammatico.

Lo scorso 4 novembre, infatti, il nordafricano si è recato a casa dell'anziano con intenzioni ben diverse da quelle innocue delle visite precedenti. Evidentemente in difficoltà economica, lo straniero ha preteso denaro dal 76enne e per ottenerlo non si è fatto scrupolo ad usare la violenza: l'uomo ha aggredito il suo ospite con un bastone, causandogli ferite gravi su tutto il corpo. Dopo avergli rubato 350 euro in contanti si è poi allontanato, non senza aver prima minacciato di morte l'anziano, intimandogli di non raccontare a nessuno quanto era successo, tantomeno alle forze dell'ordine.

E' stato un vicino di casa, diverse ore dopo, ad accorgersi dei lividi e delle ferite presenti sul corpo del 76enne e ad avvertire il 118 e i Carabinieri. L'uomo è stato trasportato in ospedale e medicato: dopo due settimane si trova ancora ricoverato in prognosi riservata, ma non in pericolo di vita.

Nel frattempo l'Arma di Pavullo ha avviato le indagini e dopo alcuni giorni ha identificato l'aggressore, che nel frattempo si era reso irreperibile, sparendo dalla circolazione. Soltanto domenica scorsa una pattuglia dei Carabinieri è riuscito ad intercettare il marocchino e a trarlo in arresti. Attualmente il 35enne, pregiudicato, si trova in carcere con le accuse di rapina aggravata, lesioni aggravate e violenza privata aggravata.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento