menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Entra in casa di un'anziana e la picchia per prendere denaro, arrestato un 25enne

Il giovane nordafricano, già noto, si è reso protagonista di un grave reato il 1 febbraio a Lama Mocogno. Ora si trova ai domiciliari

Un fatto molto grave ha scosso la tranquillità di un piccolo comune montano come Lama Mocogno, dove fortunatamente gli episodi criminali sono piuttosto rari. Nel pomeriggio del 1 febbraio, infatti, un uomo con il volto travisato è entrato nell'abitazione di una donna di 74 anni, minacciandola di morte per convincerla a consegnargli il denaro che aveva in casa. La 74enne è stata poi colpita al volto e costretta a cedere circa mille euro al giovane, che poi è fuggito

Solo dopo aver recuperato le forze, l’anziana ha contatatto le Forze dell’Ordine che sono giunte sul posto per soccorrerla e raccogliere le prime informazioni sull'accaduto. La conoscenza del territorio e delle persone solite vivere nell'illegalità hanno permesso all'Arma di concentrare l’attenzione investigativa su un 25enne nordafricano, domiciliato in Appennino e già noto alle forze dell’ordine. 

Razie alle ricerche immediate diramate a tutte le stazioni del territorio, il giovane è stato individuato poco dopo nei pressi dell’autostazione di Pavullo nel Frignano. Non appena ha notato la presenza dei militari il 25enne si è dato alla fuga nel centro del paese, ma è stato rincorso e bloccato.

I primi accertamenti hanno permesso ai carabinieri della Compagnia di Pavullo di raccogliere tutta una serie di elementi, partendo dagli spostamenti effettuati dallo straniero e dagli indumenti indossati, fino ad arrivare al denaro che aveva con sè: circa 600 euro trovati all’interno della sua abitazione e ritenuti il parziale provento del reato.

Alla luce di questi elementi i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile e della Stazione di Lama Mocogno, in coordinamento con la Procura della Repubblica di Modena, hanno tratto in arresto il giovane per estorsione e lesioni personali pluriaggravate,  provvedimento cautelare successivamente convalidato dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Modena che ha disposto gli arresti domiciliari.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento