Ravarino: aggressione e rapina per un'eredità, tre arresti

Scattate le manette per un 30enne che aveva assoldato due sicari ultracinquantenni che nel luglio del 2009 aggredirono un uomo mentre rientrava a casa per costringerlo a firmare documenti di successione a lui sfavorevoli

Arresti messi a segno dai Carabinieri

Un albanese di 30 anni e due complici italiani - un 51enne originario del palermitano e un 55enne veneziano - sono stati arrestati per rapina aggravata dopo aver estorto una dichiarazione di rinuncia a un immobile a un 50enne di Ravarino che aveva ereditato il bene dal padre deceduto. Come hanno ricostruito i carabinieri della compagnia di Modena, i due italiani, ingaggiati dall'albanese, nel luglio del 2009 aggredirono il ravarinese mentre rientrava a casa, lo picchiarono, lo rapinarono di denaro e due telefoni cellulari e lo costrinsero a firmare documenti di successione a lui sfavorevoli. Gli inquirenti sono risaliti ai due autori dell'aggressione e al suo ideatore analizzando i tabulati telefonici dei tre e attraverso alcune testimonianze. Anche l'aggredito ha riconosciuto chi lo assalì. Il 51enne è il cognato della vittima ed aveva avuto anche un anticipo di denaro per compiere il piano dall'albanese, ora in carcere a Modena. Gli altri due complici sono stati portati nelle case circondariali di Isili, nel Nuorese, e di Mestre.

(ANSA)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rapina all'Eurospin, all'ospedale un dipendente colpito con un fucile

  • Frontale fra auto e camion, 26enne muore sulla Panaria Bassa

  • Assalto armato al portavalori, guardie rapinate all'uscita del Grandemilia

  • Acqua "del rubinetto" e tumori alla vescica, uno studio fa luce sulle correlazioni

  • Gli insulti in dialetto modenese più famosi

  • Raro tumore ad una mano, trentenne salvato dalla cooperazione medica tra Modena e Bologna

Torna su
ModenaToday è in caricamento