Palazzo ducale a Modena. Al via il restauro della facciata

Approvato il progetto, al via le procedure di gara per l’intervento in convenzione con l’Accademia. Finanziamento di 500 mila euro nell’ambito del progetto Ducato Estense

Con l’approvazione del progetto esecutivo da parte della giunta del Comune di Modena, si sono avviate le procedure di gara per il restauro della facciata del Palazzo Ducale su piazza Roma finanziato con 500 mila euro nell’ambito del progetto Ducato Estense del ministero dei Beni culturali. Il progetto è stato sviluppato dal Comune, in collaborazione con le strutture tecniche dell’Accademia, sulla base della convenzione siglata nei mesi scorsi dal sindaco Gian Carlo Muzzarelli con il generale Salvatore Camporeale prima di lasciare il comando al generale Stefano Mannino.

Per il restauro della facciata del Palazzo, ricca di fregi e decori propri della sua pregevole architettura seicentesca, si prevedono interventi di consolidamento delle parti prevalentemente realizzate con fragile pietra calcarea, soggetta a fessurazioni e distacchi per cause climatico-ambientali e strutturali. Mentre risulta ormai superato con l’intervento di riqualificazione realizzato in piazza Roma e la sua pedonalizzazione il problema dovuto all’incidenza sull’edificio delle vibrazioni del traffico urbano.

I lavori che verranno realizzati prevedono il restauro o la sostituzione delle persiane delle finestre della facciata sud del Palazzo, oltre che il restauro dell’ornato lapideo del portale e della balconata del torrione centrale.

Per 27 delle 48 persiane storiche in essenza di larice si prevede il restauro, mentre per le altre, in condizioni non più recuperabili, si procederà alla sostituzione con il rifacimento con le stesse misure e gli stessi metodi costruttivi di quelle originali. Le stesse procedure verranno utilizzate anche per le basi dei controtelai.

Per la balconata sono previsti interventi di consolidamento con la demolizione del pavimento in cotto e della soletta in cemento armato, realizzati intorno agli anni Ottanta, mentre verranno sostituiti con nuovi manufatti in acciaio inox le graffe metalliche ed i perni arrugginiti installati a inizio Novecento. Sarà realizzato un manto di impermeabilizzazione per eliminare le infiltrazioni di acqua così dannose per la pietra calcarea esistente e verrà quindi posato un pavimento in quadrotti di pietra calcarea simile a quella utilizzata per le altre parti della balconata.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’intervento sul palazzo Ducale fa parte del progetto Ducato Estense nell’ambito del quale il Comune ha già approvato anche i progetti esecutivi per gli interventi sull’ex Ospedale Estense, con un finanziamento di 17 milioni di euro, e per il restauro e la valorizzazione del Forte Estense di Sestola, di proprietà del Comune di Modena, con un finanziamento di due milioni e 307 mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid. Studenti positivi in quattro scuole di Modena e in una di Carpi

  • Focolaio in un bar di Carpi, l'Ausl invita gli avventori a fare il tampone

  • Scomparsa dopo la scuola, si cerca una 16enne di Sassuolo

  • Altri quattro casi nelle scuole. Classi in isolamento a Modena, Carpi e Castelfranco

  • Vintage e Second Hand | 4 negozi di pezzi d'abbigliamento unici e pregiati a Modena

  • Castelvetro, ciclista di 27 anni esce di strada e perde la vita in via Bionda

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento