rotate-mobile
Domenica, 14 Agosto 2022
Cronaca Caduti in Guerra / Viale Martiri della Libertà

Teatro Storchi, fermato ricettatore con iPhone e bicicletta rubati

Un giovane già noto alle Forze dell'ordine è stato sorpreso nel Parco delle Rimembranze in possesso di oggetti pronti per essere rivenduti o scambiati per dosi di stupefacenti. La Polizia cerca i legittimi proprietari

É stato visto aggirarsi per il Parco delle Rimembranze intorno alle ore 15 di giovedì scorso in sella ad una bici pieghevole e poi è stato bloccato dagli agenti per un controllo sul retro del Teatro Storchi. Si tratta di un cittadino tunisino di 25 anni, già noto alle forze di Polizia per un precedente di spaccio, che gli era costato l'arresto lo scorso aprile e il conseguente obbligo di firma. Proprio per questo la pattuglia della Volante afferente al Posto di Polizia Centro Storico ha deciso di bloccare il giovane per verificarne la condotta.

Un controllo più che mai opportuno, dal momento che il nordafricano è stato trovato in possesso di due oggetti evidentemente non di sua proprietà, ma frutto di furto e ricettazione. Si tratta di una bicicletta pieghevole bianco panna modello BeBikes e di un iPhone, sempre di colore bianco, in cui si è attivato il blocco. Gli agenti ipotizzano che si tratti di oggetti rubati in città e poi usati come merce di scambio per acquistare dosi di droga. La Polizia, che al momento custodisce i due oggetti in Questura, è alla ricerca dei legittimi proprietari, che ancora non sono stati identificati.

Come spiegato dagli agenti della Volante, il ritrovamento di merce di questo tipo è abbastanza frequente, in seguito a perquisizioni o semplici giri di pattuglia che mettono in fuga i ricettatori, lasciando la refurtiva incustodita. Le biciclette in special modo vengono portate presso i magazzini comunali di via del Murazzo, dove i cittadini possono recarsi per verificare di persona. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Teatro Storchi, fermato ricettatore con iPhone e bicicletta rubati

ModenaToday è in caricamento