menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Omicidio a Santo Domingo, rientra in Italia per l'autopsia il corpo di Claudia Lepore

L'arrivo è previsto all'aeroporto di Roma domani, poi la Medicina Legale del Policlinico si occuperà dell'esame autoptico

"Dopo un mese esatto dal tragico ritrovamento nel frigorifero della sua abitazione dominicana, il corpo straziato della povera Claudia Lepore rientrerà sabato prossimo in Italia, a bordo di un volo intercontinentale da Santo Domingo a Milano Malpensa. Grazie alla strettissima collaborazione tessuta durante queste settimane tra la famiglia della vittima, i legali italiani e dominicani, l'agenzia funeraria guidata da Gianni Gibellini e altre due agenzie corrispondenti locali, oltre a diverse personalità di rilievo istituzionale, è stato finalmente possibile derogare alle rigide norme di polizia mortuaria di quello Stato, che avrebbero previsto l'obbligo di cremazione o imbalsamazione totale prima del rimpatrio".

Lo rendono noto i legali della famiglia della 59enne di Carpi, Enrico Aimi e Giulia Giusti, appunto ad un mese dalla drasmmatica scoperta avvenuta all'interno dell'abitazione della carpigiana a Santo Domingo e dell'arresto del killer reo confesso Antonio Lantigua.

La salma, spiegano ancora gli avvocati, rientrerà dunque in Italia per essere sottoposta a nuovo esame autoptico da parte degli inquirenti italiani, parallelo a quello già avviato ad Higuey, in Repubblica Dominicana, per conto della Procura locale.

"La Procura della Repubblica di Roma - fanno sapere i legali - ha provveduto a trasmettere il fascicolo a quella di Modena, ritenuta competente per territorio. Inizialmente, infatti, il procedimento italiano era stato iscritto nel Registro generale delle notizie di reato a carico di ignoti, per poi essere successivamente inserito in quello dei noti, con conseguente iscrizione nel registro degli indagati di Ilaria Benati, sulla base della residenza, così come prevede l'articolo 10 del codice di procedura penale".

"Sarà dunque possibile procedere all'ispezione di cadavere e alla successiva autopsia - concludono Aimi e Giusti - direttamente presso l'istituto di medicina legale del Policlinico, consentendo tempistiche più snelle e risparmiando così ai familiari ulteriori inutili sofferenze".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Contagio, oggi 379 casi e 7 decessi in provincia di Modena

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento