menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Processo a Giovanardi per la white list antimafia, udienza rinviata a gennaio

La difesa ha chiesto il proscioglimento. Libera Cgil e Ministero dell'Interno si costituiscono parte civile

E' cominciato con una richiesta di prosciogliemento per "insindacabilità degli atti di un parlamentare" formulata dalla difesa, e poi subito rinviato al prossimo 12 gennaio, il processo celebrato stamattina a Modena contro l'ex senatore Carlo Giovanardi. 

Il decano della politica modenese è stato rinviato a giudizio lo scorso novembre con l'accusa di minacce a corpo politico, amministrativo e giudiziario, rivelazione di segreti d'ufficio, minacce e oltraggio a pubblico ufficiale per le presunte pressioni esercitate nel 2016 su funzionari della Prefettura e del gruppo interforze di Modena a favore della ditta di costruzioni Bianchini. Per cui Giovanardi si sarebbe speso dopo l'esclusione dell'azienda dalla white list delle imprese autorizzate a lavorare negli appalti pubblici per la ricostruzione post sisma 2012. 

Oggi sono state inoltre accolte come parti civili Libera, Cgil Emilia-Romagna, Camera del Lavoro di Modena, Fillea-Cgil Emilia-Romagna e Ministero dell'Interno. Giovanardi ha sempre sostenuto di aver agito nelle sue prerogative di parlamentare, per salvare le aziende. E di recente si è rivolto alla commissione per le Autorizzazioni del Senato per bloccare l'utilizzo come prove a suo carico di alcune intercettazioni raccolte dagli investigatori e dei video filmati da un coimputato. Richieste in parte accolte dalla commissione parlamentare che ha votato per richiedere degli approfondimenti alla Procura di Modena.

(DIRE)
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Firmata l'ordinanza per la zona rossa, il testo e le nuove regole

Attualità

Zona rossa: a Modena asili, nidi e parrucchieri chiusi da lunedì

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento