rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Cronaca Strada Cimitero San Cataldo

Cimitero di San Cataldo, si ripara il muro crollato due anni fa

L’intervento prevede l’abbattimento di un’ulteriore porzione lesionata e di un corpo aggiunto, e il ripristino con miglioramento sismico reimpiegando mattoni di recupero

Proseguono ancora per alcuni mesi i lavori di restauro e ricostruzione del muro di recinzione del Cimitero di San Cataldo crollato nel dicembre del 2012. Nei giorni scorsi, l’assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Modena Gabriele Giacobazzi ha effettuato un sopralluogo in cantiere, dove è previsto l’abbattimento di una porzione ulteriore di muro adiacente a quello crollato, perché gravemente lesionato e non in sicurezza, e il ripristino della muratura con miglioramento sismico secondo tecniche di finitura tradizionali e il reimpiego di tutti i mattoni ancora integri. L’intervento prevede, inoltre, la rimozione di un corpo aggiunto in un secondo momento realizzato in corrispondenza di un angolo, che ospitava un locale autoclave ora dismesso.

La porzione di muro crollata, di circa 30 metri di lunghezza, nel tratto che chiude la parte sud della zona centrale del cimitero, era stata resa precaria a causa degli eventi sismici del 2012 e aveva ceduto dopo un’insistente pioggia. Il tratto oggetto di intervento, realizzato in anni successivi rispetto al resto della cinta, presenta uno spessore inferiore e finiture più sommarie. È realizzato in mattoni fatti a mano, intonacati nei pannelli, e pilastrini e zoccolatura faccia a vista.

I lavori, il cui termine è previsto a inizio del nuovo anno per un costo complessivo di 300 mila euro, prevedono la rimozione e accatastamento dei coppi superiori, la demolizione della muratura e il recupero dei mattoni, la demolizione e il recupero dei materiali nell’ex locale dell’autoclave, lo scavo e demolizione della fondazione interrata non più efficace, la realizzazione della nuova fondazione in calcestruzzo, l’esecuzione di muratura in mattoni pieni fatti a mano prevalentemente di recupero del muro esistente, la formazione di pannelli tra i pilastrini intonacati e rifiniti con tinteggio a calce simile all’originale, la finitura delle parti in mattoni a vista e il ripristino e ripavimentazione del percorso a confine del muro.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cimitero di San Cataldo, si ripara il muro crollato due anni fa

ModenaToday è in caricamento