rotate-mobile
Cronaca

Lotta all'inquinamento, meno caldo in casa e in ufficio

Ordinanza in vigore sino a martedì 24 dicembre. La decisione assunta nel rispetto dell’accordo di programma con la Regione. Spente stufe e caminetti

Caminetti spenti e temperatura di 19 gradi, con una tolleranza di due gradi in più, negli ambienti residenziali, uffici, attività ricreative, commerciali, scolastiche e sportive; a 17 gradi, invece, nei luoghi che ospitano attività industriali, artigianali, con riduzione di due ore della durata massima giornaliera di attivazione degli impianti di riscaldamento in tutti gli edifici pubblici e privati. È quanto stabilisce un’ordinanza del sindaco di Modena in vigore sino a martedì 24 dicembre. Sono esclusi dal provvedimento ospedali, cliniche e case di cura. Nelle unità immobiliari dotate di riscaldamento multi combustibile è vietato utilizzare biomasse (legna, pellet, cippato e altro) nei sistemi di riscaldamento a camino aperto (stufe e caminetti).

L’ordinanza fa seguito a una comunicazione della Regione Emilia Romagna del 16 dicembre scorso, nella quale si sottolinea che il perdurare delle condizioni atmosferiche non aiutano il ricambio dell’aria in atmosfera. Per questo motivo, in applicazione dell’accordo di programma 2012/2015 “Per la gestione della qualità dell’aria e per il progressivo allineamento dei valori ai valori fissati dall’Unione europea” occorrono provvedimenti contro l’inquinamento atmosferico che riguardano, oltre alle limitazioni al traffico già applicate a Modena lo scorso giovedì 19 dicembre, anche la riduzione delle temperature negli ambienti di vita riscaldati. Per i trasgressori previste sanzioni da 50 a 150 euro.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lotta all'inquinamento, meno caldo in casa e in ufficio

ModenaToday è in caricamento