rotate-mobile
Martedì, 16 Agosto 2022
Cronaca

Immigrazione: rivolta al Cie, feriti cinque finanzieri e un'operatrice

Divelte le porte e sopraffatta la vigilanza, in trenta sono riusciti a scappare dalla struttura. La direttrice della struttura Anna Maria Lombardo: "Violenza inaudita". Recuperati alcuni dei fuggitivi

Un gruppo di trenta persone in rivolta è riuscito a fuggire dal Centro di Identificazione ed Espulsione di Modena dove era ospitato. Lo ha reso noto il direttore della struttura, Anna Maria Lombardo. Negli scontri sono rimasti feriti cinque militari della Guardia di Finanza e un'operatrice della Misericordia, l'ente che gestisce il centro.

E' avvenuto poco prima delle 15. I magrebini hanno divelto diverse porte e portoni, poi hanno scavalcato le recinzioni e sopraffatto le forze di vigilanza. La Lombardo parla di "violenza inaudita", commentando l'accaduto. I fuggiti sono per la maggior parte di dichiarata nazionalità tunisina e provengono dagli sbarchi a Lampedusa.

Alcuni di loro sono stati rintracciati e riportati nella struttura. "Dal loro arrivo - afferma Lombardo - hanno sempre creato problemi di sicurezza manifestando continuamente nei confronti degli operatori e di tutto il personale della Misericordia e delle forze dell'ordine aggressività, con minacce e insulti. In serata il centro verrà reso nuovamente agibile per effetto delle avvenute riparazioni". "Esprimiamo solidarietà ai militari rimasti feriti e alle forze dell'ordine - conclude il direttore del Cie di Modena - e chiediamo a nostra volta solidarietà per un impegno che diventa sempre più difficile".

(ANSA)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Immigrazione: rivolta al Cie, feriti cinque finanzieri e un'operatrice

ModenaToday è in caricamento