rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Cronaca

La Route Nazionale si chiude sulle note dell'inno degli scout modenesi

La canzone Ufficiale della Route Nazionale 2014 di San Rossore è stata composta ed eseguita dagli scout "gialloblu" dei Clan Modena 4 e 7. Ieri sul palco l'esibizione dopo le parole del Papa e la visita delle istituzioni

Si è conclusa ieri la Route nazionale dell’AGESCI: 30.000 giovani tornano a casa portando con loro un’esperienza straordinaria, un momento di vita indelebile, ma anche un rinnovato impegno responsabile di cittadinanza piena, secondo lo spirito Scout. Un evento che si ripete ormai da tempo, ma che quest'anno ha ricevuto un'eco mediatica particolare.
 
Gli scout sono stati raggiunti al telefono dalla voce del Santo Padre: “Vi auguro che queste ‘strade di coraggio’ che sono diritte al futuro, siano per voi un grande bene. Il coraggio è una virtù, un atteggiamento dei giovani. Il mondo ha bisogno di giovani coraggiosi, non timorosi; di giovani che si muovono sulla strada, non che siano fermi”.

Se il cammino iniziato con la Route nazionale non si fermerà, “questa sarà la vostra vittoria, il vostro lavoro per aiutare a cambiare questo mondo, a renderlo migliore”. E ha concluso: “Cari giovani, ragazzi e ragazze, vi saluto da qui e vi auguro il meglio: non abbiate paura, non lasciatevi rubare la speranza, la vita è vostra: è vostra per farla fiorire, per dare frutti a tutti. L’umanità vi guarda; guarda voi in questa strada di coraggio.”

Alla presenza del Presidente del Consiglio Matteo Renzi, di Sua Eminenza il Card. Angelo Bagnasco che ha presieduto la Santa Messa, concelebrata con Mons. Paolo Giovanni Benotto Arcivescovo di Pisa e con Mons. Italo Castellani Arcivescovo di Lucca, si è tenuta la cerimonia di chiusura, consegnando nelle mani delle istituzioni la Carta del coraggio, frutto del lavoro e dell’impegno degli scout in quest’ultimo anno.
 
 “Grazie per questo lavoro intenso e intelligente”. Il Cardinal Angelo Bagnasco, presidente della Conferenza episcopale italiana, accoglie con queste parole il testo della Carta del coraggio consegnatagli dagli alfieri, i rover e le scolte che l’hanno raccolta durante i giorni di campo a San Rossore. Per l’occasione, il Cardinale ha indossato il Gilwell, il fazzolettone scout che indossano i capi brevettati dell’AGESCI.

Al termine della cerimonia sul palco di San Rossore (Pisa) hanno risuonato le note della canzone scelta per simboleggiare la Route Nazionale: “Strade di Coraggio”. Musica e testi sono orgogliosamente made in Modena, composte e cantate dai ragazzi dei Clan Modena 4 e 7. Marco Lodi e Marco Costantini gli autori. Ecco il video:

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Route Nazionale si chiude sulle note dell'inno degli scout modenesi

ModenaToday è in caricamento