rotate-mobile
Cronaca Fiorano Modenese

Sciopero, alta adesione fra i ceramisti di Sassuolo

Alle rimostranze dei sindacati contro la Legge di Stabilità si aggiunge anche la battaglia per il rinnovo del contratto nazionale dei lavoratori del settore ceramico, che scendono in piazza a Sassuolo

I Sindacati di categoria festeggiano una altissima adesione allo sciopero nazionale di oggi dei lavoratori della ceramica nel distretto sassolese. Lo sciopero valeva per l'intera giornata in quanto oltre alle 4 ore unitarie di Cgil, Cisl e Uil contro la proposta di Legge di Stabilità, sono state proclamate ulteriori 4 ore dai sindacati di categoria nazionali Filctem/Cgil, Femca/Cisl e Uiltec/Uil a sostegno della trattativa del rinnovo del contratto nazionale delle ceramiche/piastrelle.

“Alta anche la presenza dei lavoratori al presidio nella zona industriale a Sassuolo sin dalla prima mattina – dichiara la Cgil - a dimostrazione che per i lavoratori è fondamentale la difesa del CCNL. Numerosi i presidi davanti alle principali ceramiche lungo la via Canaletto a Spezzano di Fiorano e davanti alla ceramica Sichenia di Fiorano.
 
I lavoratori continueranno la mobilitazione a sostegno delle loro ragioni e auspicano una ripresa del tavolo di trattativa che possa portare a breve al rinnovo di un CCNL inclusivo in grado di difendere il potere d'acquisto delle retribuzioni. “I lavoratori ceramisti in sciopero stamattina chiedono che si ricomponga presto il tavolo e si arrivi rapidamente al rinnovo del contratto nazionale – ha affermato Manuela Gozzi segretario Filctem/Cgil Modena - L’alta adesione dei ceramisti allo sciopero, nonostante la crisi e le difficoltà economiche che attraversa il settore, dimostra – prosegue Gozzi – che i lavoratori vogliono far valere i loro diritti e non smantellare il contratto nazionale”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sciopero, alta adesione fra i ceramisti di Sassuolo

ModenaToday è in caricamento