rotate-mobile
Venerdì, 27 Maggio 2022
Cronaca

Pasqua e feste civili, ancora sciopero contro le liberalizzazioni del commercio

I sindacati hanno dichiarato quattro giorni di astensione dal lavoro per i dipendenti del commercio, che vede coinvolti in particolar modo i lavoratori della grande distribuzione. Il 20 e 21 aprile, ma anche il 25 e il primo maggio si protesta contro liberalizzazioni orari

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ModenaToday

I sindacati del Commercio Filcams-Fisascat-Uiltcus di Modena proclamano sciopero per le giornate festive di Pasqua e Pasquetta 20 e 21 aprile, il 25 Aprile e 1° Maggio, contro le liberalizzazioni estreme delle aperture commerciali derivanti dal Decreto Salva-Italia 2012. 

Dopo oltre due anni di liberalizzazioni degli orari e delle aperture domenicali e festive previste dal decreto “Salva Italia” gli effetti reali e riscontrabili sono completamente negativi. Le liberalizzazioni non hanno portato nessun aumento dell’occupazione, nessun aumento dei consumi ma hanno peggiorato le condizioni di lavoro, impattando sulla vita delle lavoratrici e dei lavoratori. 

Pensiamo che in una situazione di crisi del nostro paese, di crisi dei consumi, in cui molte famiglie e lavoratori vivono sempre più un forte disagio, è fuorviante quanto inopportuno porre al centro la scelta di mantenere i negozi aperti nelle festività pasquali, il 25 Aprile e il 1 Maggio. 

Filcams, Fisascat e Uiltucs confermano la necessità di cancellare il Decreto sulle Liberalizzazioni e riscrivere un sistema diverso di regole per il settore.  Ribadiamo la necessità di affidare la materia delle aperture domenicali e festive e delle aperture commerciali alla competenza delle Regioni e dei Comuni, ricercando una loro equilibrata definizione attraverso il confronto con le parti sociali nel territorio.   

Si può lavorare per un commercio che faccia convivere servizi, sviluppo, crescita e corretta concorrenza in una dimensione meno frenetica, più umana, più rispettosa delle esigenze delle lavoratrici e dei lavoratori? Sostenere questo obiettivo significa anche rispettare e valorizzare il significato ed il valore sociale delle festività. Non come stanno facendo alcune catene commerciali che intendono aprire i giorni di Pasqua e Pasquetta, quali Lidl Vignola, Panorama Sassuolo, Esselunga Modena e Sassuolo, Eurospin, Famila, Obi Modena e Fiorano, Metro.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pasqua e feste civili, ancora sciopero contro le liberalizzazioni del commercio

ModenaToday è in caricamento