rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Cronaca Modena Est / Strada Saliceto Panaro, 182

Niente più stipendi alla Gmi Energie, sciopero dei lavoratori

L'Azeinda modenese che si occupa di manutenzione di impianti è stata messa in liquidazione, ma da due mesi i dipendenti non vengono più retribuiti. Denuncia della Fiom/Cgil

Hanno già fatto cinque giornate di sciopero con presidio davanti ai cancelli (in foto), i lavoratori della GMI Energie di Strada Saliceto Panaro 182 a Modena, che da marzo 2014 non ricevono gli stipendi. La GMI Energie Srl, azienda specializzata in costruzione e manutenzione di impianti elettrici ed idraulici con 11 dipendenti, dal 1° aprile è stata messa in liquidazione dai due soci amministratori, ed è in concordato preventivo in bianco per cessazione dell’attività al 31 luglio 2014. L’azienda, causa crisi di mercato unitamente a difficoltà gestionali, ha perso negli ultimi due anni oltre il 50% fatturato, e i due soci che avevano avviato l’azienda nel 2010, ne hanno ora deciso la chiusura, mettendo i lavoratori di fronte al fatto compiuto. 

“I proprietari – spiega Massimo Valentini della Fiom/Cgil di Modena – hanno sfruttato tutte le agevolazioni previste dalla legge assumendo gran parte dei lavoratori dalle liste di mobilità e dopo pochi anni hanno deciso di chiudere l’azienda”. Oggi i lavoratori, che sono già in arretrato di 2 mensilità (marzo e aprile 2014) rischiano di lavorare sino a fine luglio (data di cessazione dell’attività) senza di garanzie. I proprietari in questi mesi hanno infatti più volte promesso di rispettare la regolarità nei pagamenti, senza però mai mantenere la parola.

“I lavoratori sono arrabbiati e denunciano la malafede dei proprietari che a inizio aprile avevano convocato i dipendenti per annunciare un ritardo di pochi giorni nel pagamento della mensilità di marzo, senza avvisarli però dell’apertura della procedura di concordato e ben sapendo che la mensilità di marzo sarebbe stata congelata dalla procedura stessa”. Per questo, se non ci saranno precise garanzie sul pagamento delle retribuzioni, i lavoratori non hanno intenzione di tornare al lavoro e in assemblea hanno assunto questa decisione a maggioranza. 

“Inoltre – continua Valentini della Fiom/Cgil -  durante gli scioperi dei giorni scorsi sono stati chiamati degli artigiani esterni all’azienda a svolgere le loro mansioni. E l’azienda ha anche rifiutato l’accordo per l’apertura della cassa integrazione in deroga che avrebbe consentito di prolungare le tutele per i lavoratori”. La Fiom e i lavoratori si aspettano perciò il pagamento di tutte le spettanze e chiedono un incontro urgente con il commissario giudiziale per avere garanzie sulla ormai certa conclusione del rapporto di lavoro. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Niente più stipendi alla Gmi Energie, sciopero dei lavoratori

ModenaToday è in caricamento