Scioperi nel Gruppo Concorde: oggi tocca a Fiorano, domani Sassuolo

Lavoratori Cgil fermi alla Minerva di Fiorano quest'oggi, per rivendicare un nuovo contratto, differente da quello sottoscritto dalle altre sigle. Domani tocca ai dipendenti Marca Corona

Sciopero oggi allo stabilimento Minerva di Fiorano del Gruppo Ceramiche Concorde, in via Cava. Per gli organizzatori l’adesione è intorno al 70% fra i circa 70 addetti che lavorano su turni. Nonostante le assemblee di Femca/Cisl e Uiltec/Uil tenute in questi giorni in tutti gli stabilimenti del Gruppo Concorde per affermare la validità del contratto da loro sottoscritto, i lavoratori continuano a mantenere una posizione critica verso questa ipotesi di accordo e aderiscono con convinzione alle azioni di lotta programmate dalla Filctem/Cgil e dalla Rsu Filctem/Cgil per ottenere un diverso contratto di lavoro che distribuisca le risorse economiche. 

La tornata di scioperi articolati per stabilimento si conclude domani venerdì 13 maggio con lo sciopero allo stabilimento Marca Corona di Sassuolo che conta circa 230 addetti. Previsto anche per domani il presidio davanti ai cancelli dell’azienda in via Emilia Romagna (sempre dalle ore 3 del mattino e sino a metà pomeriggio). 

Filctem/Cgil e Rsu Filctem/Cgil hanno proclamato questa tornata di sciopero per conquistare un vero contratto, dopo la rottura delle trattative il 20 aprile che ha visto la firma dell’ipotesi di accordo solo tra azienda e Femca/Cisl e Uiltec/Uil. La Filctem/Cgil contesta questa ipotesi di accordo, firmata - in contrasto con il Testo Unico sulla Rappresentanza del gennaio 2014 – solo dai delegati di Femca/Cisl e Uiltec/Uil che rappresentano la minoranza delle Rsu del Gruppo (la Filctem/Cgil conta su 22 delegati su 40). 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Filctem/Cgil ha interrotto le trattative perché chiede un aumento consistente del premio di risultato, certamente superiore alle cifre sottoscritte da Cisl e Uil, in quanto ritiene che le quantità economiche da riconoscere ai lavoratori debbano essere strettamente correlate ai risultati d’impresa dei prossimi anni, oltre a rispondere ad un aumento delle indennità di disagio e di mansione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Temporale e grandine, una furia in piena notte si abbatte sulla provincia

  • Come eliminare il grasso in eccesso? Gli specialisti di Modena usano... il freddo!

  • Coronavirus, individuati 56 nuovi casi positivi. Due i decessi

  • Temporali. Ancora grandine e vento forte, crollati diversi alberi

  • Covid, 6 casi nel modenese. Un nuovo ingresso in terapia subintensiva

  • Contagio. Individuati 8 casi nel modenese, tutti in isolamento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento