menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sciopero e presidio no-stop davanti a Italpizza, lacrimogeni e cariche

Si riaccende lo scontro, anche fisico, tra i SI Cobas e le forze dell'ordine a San Donnino, dove il presidio è partecipato in queste ore anche dalla Cgil

Nel corso della mattinata è proseguito lo sciopero che Cgil e SI Cobas stanno portando avanti da ormai due giorni davanti ai cancelli di Italpizza. Dopo la calma apparente dei giorni scorsi, oggi gli attivisti del sindacato autonomo hanno ripreso ad attuare tentativi di blocco dei mezzi in transito verso lo tabilimento, come accade "a singhiozzo" ormai da diversi mesi. Questo ha costretto le forze dell'ordine in tenuta antisommossa ad intervenire con l'uso della forza. 

Davanti al piazzale di via Gherbella sono stati lanciati lacrimogeni per disperdere gli attivisti e sono state effettuate cariche di alleggerimento per sgomberare la strada e permettere il passaggio dei camion. Alcuni presenti hanno riportato anche lievi ferite nello scontro con le forze dell'ordine, ma non è stato necessario l'intervento del 118.

Al presidio sta partecipando anche la Flai Cgil, i cui rappresentanti tuttavia non prendono parte ai blocchi, ma si mantengono in disparte limitandosi ad una presenza fisica di fronte al luogo di lavoro, per richiamare i vertici aziendali ad un dialogo che ormai ha subito una insanabile frattura.. Presenti oggi in segno di solidarietà ai manifestanti anche gli attivisti della lista di sinistra civica Modena Volta Pagina, il cui striscione è però stato rimosso dagli agenti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Contagio, solo 97 casi nel modenese. Corrono le guarigioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento