rotate-mobile
Cronaca

Scuole superiori Modena, gli indirizzi più gettonati per gli studenti

Per l'anno scolastico 2013/2014 la scelta della maggioranza dei primini è caduta sugli istituti tecnici (previsione di 2.959 iscritti), seguiti dai licei con 2.787 iscritti, e dai professionali con 1.878 alunni in prima

L’incontro sull’offerta formativa della scuola superiore a Modena è stato anche l’occasione per fare il punto sui nuovi indirizzi introdotti sul territorio provinciale a seguito della riforma ordinamentale del 2011/2012: l’indirizzo tecnico turistico, attivato negli istituti Morante di Sassuolo e Meucci di Carpi, conferma anche per il prossimo anno i poco più di cento iscritti in prima. Crescono invece gli iscritti all’indirizzo di istruzione tecnica Costruzione del mezzo attivato al Ferrari di Maranello, che passa dai 30 del 2011/2012 ai 45 del prossimo anno, e soprattutto l’indirizzo enogastronomico dello Spallanzani di Castelfranco che per l’anno prossimo registra ben 139 iscritti con una crescita di oltre il 73 per cento rispetto all’anno di attivazione. In crescita anche l’indirizzo liceale artistico che prevede 257 iscritti al prossimo anno contro i 186 di due anni fa. Così come aumentano in modo costante gli iscritti all’indirizzo scientifico di Scienze applicate, di cui è stata concessa una nuova attivazione, l’unica novità per il prossimo anno, al Levi di Vignola. In calo invece le iscrizioni per l’indirizzo Scienze umane, opzione economico sociale. Il liceo musicale, che prevede l’accesso a numero chiuso, mantiene anche quest’anno l’attivazione di una prima classe.

Per quanto riguarda gli altri tipi di scuole, per l’anno scolastico 2013/2014 la scelta della maggioranza dei primini è caduta sugli istituti tecnici (previsione di 2.959 iscritti), seguiti dai licei con 2.787 iscritti, e dai professionali con 1.878 alunni in prima. L’assessore Malaguti ha affrontato anche il tema della dispersione scolastica evidenziando che, a fronte di 7.191 alunni iscritti in prima nell’anno scolastico 2008/2009, oltre il 30 per cento non è arrivato con regolarità alla quinta classe (4.869 iscrizioni per l’anno 2013/2014). Il dato della dispersione però è in lieve calo anche grazie ai percorsi di istruzione e formazione professionale (IeFP) che rappresentano un’alternativa credibile per i ragazzi ad alto rischio di abbandono o dispersione scolastica. A conferma di questo, crescono, anche se lentamente, gli allievi degli istituti professionali: nell’anno 2011/2012 (primo anno di attivazione dei percorsi) gli iscritti in prima erano 1.856; per il 2013/2014 saranno 1.878 con un incremento dell’1,2 per cento.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scuole superiori Modena, gli indirizzi più gettonati per gli studenti

ModenaToday è in caricamento