rotate-mobile
Cronaca

Maltempo: scampato pericolo, ma resta il monitoraggio. Riaprono i ponti

Fase di allarme sul fiume Secchia, colmo di piena transita a modena alle 12, ponti chiusi. Chiuse anche alcune scuole, mentre a Soliera si consiglia già di lasciare i piani bassi delle case

Aggiornamento ore 14.00:  Il ponte vecchio di Navicello a Modena è stato riaperto intorno alle 23 di ieri, mentre nel corso della notte, e comunque prima delle 6 del mattino, saranno riaperti Ponte Alto sul Secchia e il ponte dell’Uccellino al confine tra Modena e Soliera. Lo hanno deciso i tecnici del Comune di  Modena che stanno monitorando il passaggio della piena e il livello del fiume Secchia, che sta progressivamente calando. Rimane comunque lo stato di allarme per il Secchia e di preallarme per il Panaro ed è continuato per tutta la notte il controllo puntuale su tutti i chilometri degli argini, che vede coinvolti circa 30 volontari del gruppo di Protezione civile comunale. Questa mattina, martedì 1 marzo, sono state riaperte anche le vie Stradella, Cadiane e Curatona, mentre è ancora chiusa via Dotta di Albareto.

Restano chiusi ponte Motta a Cavezzo sempre sul Secchia e il ponte di Cà Bianca sempre a Finale Emilia sulla viabilità comunale; dal pomeriggio di lunedì scuole chiuse anche a S.Prospero fino a nuova ordinanza. Chiuso anche il ponte di Bomporto, sulla strada per Ravarino.

Con il transito della piena verso l'area nord si attivano i Centri operativi comunali (Coc): sono già stati aperti, dal pomeriggio, i Coc di S.Possidonio, Finale Emilia, Cavezzo e S.Prospero. Sono oltre 200 i volontari della Protezione civile che stanno assicurando la vigilanza anche notturna sugli argini che prosegue nella notte tra lunedì 29 e martedì 1 marzo. Nel corso della giornata il livello del Secchia ha raggiunto il massimo della colma a 9,75 metri, al di sotto del livello 3 che si raggiunge a 10 metri e che rappresenta la soglia di criticità più acuta.

Per precauzione la Provincia ha chiuso anche il ponte Motta sulla provinciale 468 a Cavezzo. Martedì 1 marzo restano chiuse le scuole di bastiglia e le elementari si Sorbara.

Il picco della piena del Secchia è atteso intorno alle ore 12 di lunedì quando l’Agenzia regionale della Protezione civile prevede livelli paragonabili a quelli della piena del dicembre del 2009. Aperti i Centri operativi comunali nei comuni interessati dalla fase di allarme e nel corso della mattina apriranno anche tutti gli altri nei comuni sia del Secchia che del Panaro. Attivo tutta la notte il Centro unificato della Protezione civile a Marzaglia. Per quanto riguarda l’intensità delle precipitazioni, le piogge in questi giorni hanno raggiunti picchi di oltre 120 millimetri.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maltempo: scampato pericolo, ma resta il monitoraggio. Riaprono i ponti

ModenaToday è in caricamento