Cronaca

Riciclaggio e frodi fiscali, pene per 9 anni agli imputati del processo "Barqueiro"

Avviate anche le confische per l'associazione a delinquere capace di “salvare” gli imprenditori prossimi al fallimentio con sofisticati sistemi di frode. Un'operazione molto vasta condotta dalla GdF nel 2016

Patteggiamento e confisca definitiva. A questa conclusione è recentemente giunto il principale filone processuale dell’"Operazione Barqueiro", condotta dal Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Modena nel 2016 e coordinata dal Procuratore Capo di Modena Dott.ssa Lucia Musti e dal P.M. Dott.Marco Imperato, all'esito della quale furono eseguite sei misure cautelari in carcere, denunciati 33 responsabili e disposti sequestri per equivalente per diversi milioni di euro che riguardarono due locali di ristorazione, un bar ed un complesso alberghiero con annesso ristorante oltre che otto società, svariati conti correnti ed immobili riconducibili all’associazione.

Nel corso di quelle indagini, le Fiamme Gialle modenesi individuarono un’associazione a delinquere finalizzata alla bancarotta fraudolenta, al riciclaggio internazionale ed a plurimi reati tributari di varia natura, con basi a Parma, Reggio Emilia ed in Portogallo. L’analisi delle vicende societarie delle aziende sottoposte a procedure concorsuali permise di individuare una complessa struttura, promossa e diretta da un professionista emiliano formalmente residente all’estero e specializzato nella gestione "spregiudicata" di fallimenti societari, composta da decine di soggetti giuridici che, ricorrendo a prestanome, venivano fittiziamente delocalizzati all’estero per evitare conseguenze penali agli imprenditori coinvolti e per drenarne le disponibilità patrimoniali dalle pretese dei creditori. Disponibilità di cui il promotore dell’associazione a delinquere curava il rientro in Italia, riconsegnandole in contanti agli imprenditori coinvolti, attraverso svariate movimentazioni bancarie, anche estero su estero e tra società diverse, al fine di ostacolarne la tracciabilità, divenendo un vero e proprio “traghettatore” e ispirando il nome dell’operazione, ossia “Barqueiro”.

L’operazione ha recentemente ottenuto importanti risultati processuali a seguito della scelta del principale indagato e dei suoi più stretti collaboratori di chiedere il patteggiamenti per complessivi 9 anni di reclusione, cui ha fatto seguito, al momento, la confisca di un patrimonio costituito da 7 società, 4 terreni e ben 634 diritti immobiliari (quote di multiproprietà) intestati alle società riconducibili al sodalizio e valutato, al netto delle passività, in circa 500.000,00 euro. Le operazioni di confisca sono state eseguite anche con la collaborazione di 29 Reparti della Guardia di Finanza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riciclaggio e frodi fiscali, pene per 9 anni agli imputati del processo "Barqueiro"

ModenaToday è in caricamento