rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Cronaca Carpi

Capre macellate e trasportate illegalmente nei cartoni, due denunce

Da Carpi a Prato con un furgone: all'interno otto capre fatte a pezzi e messe in degli scatoloni di cartone e i resti di macellazione in delle buste di plastica da confezionamento vestiti

Nella notte fra sabato e domenica la Polizia Municipale di Prato ha fermato un furgone proveniente dal modenese. Il controllo ha rivelato uno spettacolo per stomaci forti: otto capre fatte a pezzi e ancora sanguinanti poste in altrettanti scatoloni di cartone, mentre in buste di plastica per il confezionamento dei vestiti erano state messe le interiora. La macabra scoperta è avvenuta durante un'ordinaria attività di controllo del territorio da parte delgi agenti della città toscana.

Il conducente, P.M., 52 anni, italiano incensurato residente a Carpi, era accompagnato da un cittadino cinese, anch'esso del modenese. Alla richiesta degli agenti su cosa ci  facessero a Prato i due uomini non erano in grado di dare una risposta convincente.

Gli agenti, insospettiti dal comportamento evasivo e sospettoso del conducente, hanno chiesto di aprire il vano di carico dell'autocarro e a quel punto davanti a loro si è presentato uno scenario a dir poco raccapricciante. E' stata subito contattata l'Asl, che celermente ha fatto intervenire un ispettore sul posto.

Tutta la carne, destinata certamente alla ristorazione umana, era  priva di qualsiasi documentazione sanitaria, pertanto è stata sequestrata ed inviata a distruzione, mentre il conducente ed il suo accompagnatore sono stati sanzionati amministrativamente dall'Asl e deferiti all'Autorità giudiziaria dalla Polizia Municipale per macellazione clandestina di animali destinati al consumo umano. Sono in corso ulteriori indagini volte ad accertare la provenienza e la destinazione della carne.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Capre macellate e trasportate illegalmente nei cartoni, due denunce

ModenaToday è in caricamento