Resta aperta nonostante l'ordinanza, palestra sequestrata a Carpi

Denunciato il gestore, che ha ignorato l'ordinanza emessa dal Sindaco

foto di repertorio

Nonostante già dalla scorsa settimana vigesse un’ordinanza comunale con cui – tra l’altro – è stata disposta la chiusura delle palestre al fine contenere e gestire l’emergenza epidemiologica da coronavirus nella città di Carpi, un personal trainer carpigiano ha deciso di continuare l’attività.

E così, oggi pomeriggio, i carabinieri di Carpi hanno proceduto al sequestrato dei locali. L’uomo, amministratore unico della società che gestisce la palestra, dovrà rispondere del reato di “inosservanza dei provvedimenti dell’autorità”. 

Ricordiamo che il Comune di Carpi è il più colpito dall'emergenza sanitaria fra quelli della provincia: conta almeno 18 contagiati e più di 90 persone in quarantena. Per questo - a differenza di quanto vale in tutti gli altri comuni modenesi - il sindaco ha deciso per la sospensione delle palestre, delle piscine e di altri impianti sportivi fino a mercoledì 4 marzo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna in zona gialla da domenica: Bonaccini: "No al coprifuoco natalizio"

  • Dpcm Natale 2020, approvato il decreto che vieta gli spostamenti tra regioni e comuni

  • Coronavirus. In regione il 13,8% dei tamponi è positivo. Modena resta la peggiore per nuovi contagi

  • Covid a Modena: scendono rispetto a ieri i nuovi casi. Ancora 11 i decessi

  • Prodotti "non essenziali" accessibili ai clienti, multe per due ipermercati

  • Conferma dal Ministero, l'Emilia-Romagna torna in "zona gialla"

Torna su
ModenaToday è in caricamento