Sequestrata una residenza per anziani non autorizzata, ricollocati 14 ospiti

La struttura gestiva gli anziani non autosufficienti, anche con la somministrazione di farmaci, ma non aveva la necessaria autorizzazione richiesta alle Cra

Questa mattina i carabinieri del Nas di Parma, con la collaborazione dell’Arma territoriale di Modena, nell’ambito di un’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Modena hanno sequestrato un immobile adibito a struttura ricettiva per anziani, situato nel comune di Castelfranco Emilia.

L’attività investigativa, supportata da un’accurata ispezione effettuata dal nucleo specializzato dell'Arma insieme ai Servizi Sociali del Comune di Castelfranco Emilia e dell’Azienda Usl di Modena, ha consentito di constatare che nell'edificio si svolgeva, di fatto e senza alcuna autorizzazione, la gestione di attività socio-sanitarie tipiche delle Case Residenza Anziani, quali la somministrazione di farmaci e l’assistenza medica ed infermieristica a 14 pazienti non autosufficienti.

Per tali ragioni, all’esito dell’attività ispettiva, si è proceduto al sequestro preventivo dell’intera struttura ricettiva e al trasferimento degli ospiti presso altre strutture o presso le famiglie d’origine. Il direttore della struttura e l’amministratrice della società a cui faceva capo l’attività economica risultano indagati per esercizio abusivo della professione sanitaria. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna verso il ritorno in zona gialla, "Ma evitiamo terza ondata"

  • Addio a Benny, l'imprenditore dei bar modenesi

  • Carpi, presentata istanza di fallimento per la Arbos

  • Bonaccini annuncia: "Torneremo zona gialla, ma fra una settimana"

  • Nuova ordinanza regionale, riaprono i negozi di piccole e medie dimensioni

  • Coronavirus, casi stabili in regione. A Modena un nuovo picco

Torna su
ModenaToday è in caricamento