Insediamento abusivo a Mirandola, rimosse le roulotte dei nomadi accanto al cimitero

Intervento dei vigili in mattinata su indicazione del Sindaco. Accertata la violazione del codice della strada per la sosta abusiva

È stata necessaria la Polizia Locale, questa mattina, per smobilitare un presidio irregolare di nomadi nei pressi del cimitero di Mirandola. L’intervento condotto dall’Ispettore Emanuela Ragazzi, col coordinamento del Comandante della Polizia Locale dell’UCMAN Gianni Doni, ha posto termine ad una situazione che correva il rischio di degenerare, se fosse proseguita, in un campo abusivo di ampie dimensioni.

Non erano di certo passati inosservate le persone che qualche mese fa, con un paio di roulotte ed altre attrezzature si erano accampate nel parcheggio adiacente al cimitero del capoluogo. Un tipo di insediamento illegale che, anche a seguito delle segnalazioni pervenute in Municipio, da parte dei cittadini, veniva quotidianamente monitorato dall’Amministrazione comunale al fine di evitare situazioni di degrado. 

Questa mattina, il Sindaco di Mirandola Alberto Greco, coadiuvato dall’Assessore con delega alla Sicurezza Giuseppe Forte hanno dato mandato alla Polizia Locale affinché provvedesse al ripristino dell’area, in ottemperanza a quanto indicato dalle disposizioni comunali in merito.

Dopo gli accertamenti di rito in cui è stato rilevato – secondo quanto stabilito dal Codice della Strada – la sosta irregolare oltre all’assenza di assicurazione dei mezzi, gli agenti intervenuti, hanno provveduto a fare rimuovere i veicoli e le roulotte presenti mediante l’impiego di un carroattrezzi.

“La professionalità e le modalità con cui l’ispettore Ragazzi ha portato a termine l’operazione, ha evitato prese di posizioni o rimostranze da parte dei presenti. E’ stato un contesto delicato quello in cui ci siamo dovuti muovere – ha spiegato il comandante Doni – Si è provveduto a comunicare ai presenti che proseguire nell’occupazione di suolo pubblico avrebbe comportato ulteriori sanzioni oltre a conseguenze di tipo penale. Fortunatamente non si sono registrate tensioni e quindi si è potuto procedere allo sgombero. L’intervento non poteva essere rimandato per la semplice ragione che la situazione era in via di peggioramento. Al fine quindi di evitare un eventuale ampliamento del campo abusivo con l’arrivo di nuovi mezzi ed i conseguenti problemi anche di sicurezza, si è provveduto alla rimozione ed al ripristino dell’area.”  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio a Benny, l'imprenditore dei bar modenesi

  • Bonaccini annuncia: "Torneremo zona gialla, ma fra una settimana"

  • Nuova ordinanza regionale, riaprono i negozi di piccole e medie dimensioni

  • Coronavirus, casi stabili in regione. A Modena un nuovo picco

  • Coronavirus, scendono i casi attivi e i ricoveri in regione. Modena conferma il calo

  • Coronavirus. In regione il 13,8% dei tamponi è positivo. Modena resta la peggiore per nuovi contagi

Torna su
ModenaToday è in caricamento