rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Cronaca

Aria irrespirabile, allarme polveri sottili sulla pianura modenese

Alta concentrazione di inquinanti “ingabbiati” dalle condizioni meteo poco favorevoli. Molti hanno percepito oggi un'aria pesante e irrespirabile: non è solo una sensazione ma un'evidenza supportata dai dati

Insieme alla grande umidità e alla nebbia che ha avvolto per molte ore diverse aree della pianura modenese, oggi è stata una giornata caratterizzata da un'aria molto pesante, puzzolente, a tratti davvero irrespirabile. Un fenomeno più pronunciato nelle zone urbane e industriali, che ha trovato riscontro sia nell'osservazione delle dinamiche meteorologiche, sia nei rilevamenti di Arpa.

Come ha sottolineato il meteorologo Luca Lombroso, la particolare situazione di "stabilità" odierna ha fatto ristagnare gli agenti inquinanti. In parole povere, lo smog prodotto dal traffico, dalle emissioni industriali e del riscaldamento domestico è ristagnato sulla nostra pianura, senza che i venti e il normale ricircolo dell'aria potesse renderlo più rarefatto. Una cappa immobile di aria stabile con inversione termica, che ha appesantito i nostri polmoni.

Un dato – come detto – confermato anche dai rilevamenti delle centraline di Arpa. Già da ieri le stazioni disseminate sulla provincia hanno fatto registrare valori molto alti di polveri sottili PM10, ampiamente sopra il limite consentito: si va dai 72 µg/m3 delle aree rurali della Bassa fino ai 95 delle aree più trafficate di Modena. Non resta che sperare nelle piogge dei prossimi giorni.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aria irrespirabile, allarme polveri sottili sulla pianura modenese

ModenaToday è in caricamento