rotate-mobile
Cronaca Campogalliano

Smonta la sua auto e la rivende pezzo pezzo, poi denuncia il furto

Guai in arrivo per un operaio albanese di 33 anni residente a Campogalliano. I Carabinieri hanno ricostruito i suoi traffici smascherando una finta denuncia di furto che aveva presentato

La simulazione di reato è un fenomeno nei confronti del quale le forze dell'ordine non abbassano mai la guardia. Di fronte ad ogni denuncia – sia essa di furto, truffa o altri reati – sono sempre necessarie indagini che puntino non solo a scoprire i colpevoli, ma anche a verificare che quanto riportato dai cittadini corrisponda al vero. Non mancano infatti le costruzioni di fantasia mirate nella quasi totalità dei casi a intascare premi assicurativi.

Dopo la finta rapina inscenata a Massa Finalese, un nuovo caso ha impegnato questa volta i Carabinieri di Campogalliano, presso i quali si è rivolto un 33enne albanese, regolarmente residente in paese. L'uomo ha denunciato il furto della propria auto, una Audi A6, ma gli investigatori hanno presto scoperto che la vettura non era mai stata sottratta, bensì smontata pezzo pezzo.

Lo straniero, nelle ultime settimane, aveva deciso di smembrare l'auto e di rivendere attraverso canali informali i vari pezzi di ricambio, per trarne un profitto forse addirittura superiore rispetto alla vendita del veicolo intero, con ormai diversi anni di vita alle spalle.

I militari sono riusciti a rintracciare i pezzi venduti e hanno quindi denunciato l'albanese per simulazione di reato.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Smonta la sua auto e la rivende pezzo pezzo, poi denuncia il furto

ModenaToday è in caricamento