Escursionista disperso, soccorsi difficoltosi sul monte Giovo

Un 35enne si è ritorvato bloccato sulla cima dell'Appennino. Elisoccorso fuoriuso per il maltempo, in azione le squadre di terra che hanno raggiunto l'uomo. Non è in gravi condizioni

I tecnici della stazione Monte Cimone del Soccorso Alpino Emilia Romagna sono stati impegnati dalle ore 19:19 di questa sera in un intervento di soccorso di un escursionista in difficoltà.  Ad attivare le squadre di terra del Saer, insieme all'elicottero del 118 della base di Pavullo, è stata la centrale operativa del 118, in seguito a una chiamata ricevuta alle ore 18:59 da un uomo di circa 35 anni che si trovava a ridosso della croce del Monte Giovo, sopra al lago Santo modenese, nel comune di Pievepelago. 

Sfinito dalla fatica e stremato, ha dovuto chiamare i soccorsi per essere recuperato. La comunicazione tra l'escursionista in difficoltà e la centrale operativa è stata fortemente complicata dalla scarsa copertura telefonica della zona, che ha reso difficile il passaggio di informazioni e la conseguente individuazione del luogo dove si trovava l'uomo. Intorno alle 19.19 sono state attivate come detto le squadre di terra e l'elisoccorso. L'elicottero ha tentato un avvicinamento, ma la cima era in nube ed è dovuto rientrare. Hanno proseguito lungo il sentiero che dal lago Santo - dove è stato sistemato il campo base - porta a Monte Giovo due squadre di terra del Soccorso Alpino, formate entrambe da 4 tecnici. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La fase di avvicinamento è stata complicata dal forte vento in quota e dalla scarsa visibilità. Alle 22.24 la prima squadra del Saer ha raggiunto l'escursionista, seguita dopo circa venti minuti dalla seconda squadra. L'uomo è stato subito rifocillato con tè caldo e viveri. Le sue condizioni comunque sono buone, e non avendo traumi ha potuto riprendere la strada del ritorno con le sue gambe, accompagnato dai soccorritori. Le due squadre e l'escursionista hanno quindi persorso il sentiero che dal Giovo scende al campo base del Lago Santo, dove sono rientrati a notte inoltrata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Temporale e grandine, una furia in piena notte si abbatte sulla provincia

  • Festa de L'Unità, prime anticipazioni sugli spettacoli di Ponte Alto

  • Coronavirus, individuati 56 nuovi casi positivi. Due i decessi

  • Si masturba in piazza, fermato accanto al palco del Radio Bruno Estate

  • Contagio, 5 casi nei comuni di Formigine, Castelnuovo e Modena

  • Contagio, 8 positivi in più. La metà è legata sempre dal focolaio romagnolo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento