rotate-mobile
Cronaca Carpi / Via Pezzana

Social street, via Pezzana a Carpi è il primo esperimento in provincia

In due giorni già 70 iscritti alla prima iniziativa modenese sull'esempio della Social Street bolognese via Fondazza. Divertimento, eventi, ma anche socialità e sicurezza nel primo embrione di social iperlocale italiano

Erano 150 in tutto le social street italiane, adesso sono 151. Anche via Pezzana di Carpi, in provincia di Modena, infatti ha il suo gruppo su Facebook e in soli due giorni ha registrato l'iscrizione di piu' di 70 cittadini. È nato tutto per caso girando il video della ormai popolarissima 'Happy'. Commercianti e abitanti di via Pezzana, a nord di Carpi, sono stati ripresi dalla telecamera di Alexia Bassoli e Maurizio Ventola ballando sulle note del brano di Pharrell Williams. Un modo per divertirsi e per conoscersi. E lo hanno fatto così tanto da decidere di far nascere una social street. "In molti hanno aderito all'iniziativa - spiega Alexia Bassoli, 28 anni e fondatrice del gruppo - siamo appena nati e aspettiamo proposte da parte di tutti, l'intento è quello di far divertire la gente". È per questo che i commercianti della strada hanno aderito pensando di organizzare 'pizzate' e biciclettate. Una collaborazione tra negozianti che lascia spazio però a qualsiasi iniziativa di chi risiede in via Pezzana, circa 1.500 persone.

"Stiamo pensando di realizzare degli eventi nel periodo estivo - spiega Alexia che in via Pezzana lavora come barista da 10 anni - come attività all'aperto per bambini, genitori e nonni. Poi vediamo come va il gruppo e che idee vengono proposte".

Il modello è sempre quello bolognese ideato da Federico Bastiani, residente in via Fondazza, che ha ispirato tanti italiani, da Milano a Roma, passando da Finale Ligure a Lecce e da Vernazzola a Mantova. L'imperativo è 'dal virtuale al reale'. "Alla base dell'idea di social street c'è la conoscenza dei vicini e l'instaurazione di un rapporto di fiducia - spiega Federico Bastiani che è stato anche inserito al numero 21 dei Top 100 innovatori del 2013 dalla rivista Wired - Poi, si può passare anche al mutuo aiuto: un seggiolino che non si usa più, un aiuto per tenerti il bambino mentre sei impegnato. Una specie di banca del tempo. Si scoprono interessi condivisi: così, il trekking può diventare una gita di gruppo. Tutto nasce dal concetto di conoscere chi ti sta attorno, tutto nasce spontaneamente".

Un'idea che ha preso piede in Italia come fuori. L'iniziativa infatti è stata esportata anche Brasile, Argentina, Stati Uniti, Francia, Portogallo, Australia, Nuova Zelanda. https://www.youtube.com/watch?v=b8JIE0Pu1IQ Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/viapezzana (DIRE)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Social street, via Pezzana a Carpi è il primo esperimento in provincia

ModenaToday è in caricamento