rotate-mobile
Venerdì, 12 Agosto 2022
Cronaca Medaglie d'Oro / Via Francesco Prampolini

"Banda della spaccata" colpisce tre negozi: bottino di decine di migliaia di euro

Escalation di furti in zona Sant'Agnese: nel giro di pochi giorni sono stati colpiti i negozi Top Level, Motor Dreams ed Extreme. In azione una banda di professionisti della spaccata

Top Level, Motor Dreams ed Extreme. Sono questi i tre negozi colpiti in sequenza dai ladri a partire dalla settimana scorsa fino a stanotte nella città di Modena: la dinamica e il bottino (sempre nell'ordine  di diverse migliaia di euro) fanno pensare ad una banda di professionisti del furto che agisce con precisione non lasciando nulla al caso e all'improvvisazione. Modus operandi? Disinnescare l'allarme, colpo di mazza o piccone, razzia e fuga.

TOP LEVEL - La settimana scorsa, in via Prampolini, ignoti hanno fatto irruzione nella notte nei locali di Top Level, negozio di proprietà di Giulio Ruggeri, il quale, con sentimenti misti fra la rabbia e lo sconforto, ha quantificato l'ammanco causato dalla razzia di giacche di marca in una cifra intorno ai 20mila euro. "Non si tratta di disperati o di gente inesperta - ha commentato il titolare dell'esercizio commerciale - hanno disinnescato l'allarme, un sistema dal valore di 5mila euro, e hanno prelevato i capi più costosi".

MOTOR DREAMS - Sorte migliore non ha avuto il Motor Dreams di via Sadoleto: mercoledì, intorno alle 3 di notte, forse sempre gli stessi soggetti della visita a Top Level, dopo avere divelto la telecamera di videosorveglianza, hanno sfondato una spessa vetrata utilizzando o un piccone o una mazza da cantiere. In neanche dieci minuti, la banda ha prelevato dagli appendini nove giubbotti da uomo per un totale di circa 6mila euro di valore.

EXTREME - Non c'è due senza tre. Dopo questi episodi, la scorsa notte, è toccato ad Extreme essere preso di mira dai ladri. In via Sassi, i malviventi non si sono fatti spaventare da un sistema anti-furto da 20mila euro, hanno tranciato i cavi elettrici per poi disattivare le telecamere di sorveglianza e sfondare nuovamente la vetrina: giubbotti, orologi, cinture e felpe. I danni sono tutti da quantificiare, ma sarebbero sempre nell'ordine di diverse migliaia di euro.

SICUREZZA - Amara ironia della situazione è la comunicazione diffusa oggi dall'Amministrazione di incentivi comunali per l'installazione di sistemi antirapina: 32 attività commerciali di Modena hanno ricevuto un contributo grazie al Fondo per la sicurezza, istituito dalla Camera di Commercio con la compartecipazione al 20% del Comune. In questa tranche del bando sono stati erogati circa 33.200 euro e gli incentivi vanno da un minimo di circa 500 a un massimo di 2mila euro a seconda degli strumenti di protezione scelti (dai sistemi antintrusione e antirapina con allarmi di vario tipo ai nebbiogeni e ai circuiti chiusi televisivi). "Con questi contributi irrisori non si va da nessuna parte - ha rincarato Ruggeri, titolare di Top Level - Ci vogliono più controlli da parte della Polizia".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Banda della spaccata" colpisce tre negozi: bottino di decine di migliaia di euro

ModenaToday è in caricamento