rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Cronaca Via Sant'Orsola, 52

Giovani, apre un nuovo lab per lo studio e l'aggregazione

Venerdì 3 luglio, alle 18.30, l’apertura del centro in via Sant’Orsola dove studiare fino a tardi, usare pc e wifi, partecipare ad attività guidate e incontrare altri ragazzi

Un centro dove studiare fino a tarda sera, utilizzare liberamente i computer e connettersi usando il wifi, seguire corsi o partecipare ad attività guidate, trovare informazioni utili su lavoro, studio e volontariato, prendere parte a progetti associativi o semplicemente incontrare altri ragazzi e rilassarsi tra una lezione e l’altra. Si chiama “SFN Lab” ed è il nuovo spazio aggregativo, di studio e lavoro aperto ai giovani, residenti o di passaggio, sul territorio modenese collocato all’interno del comparto San Filippo Neri, in via Sant’Orsola 52, che sarà inaugurato ufficialmente venerdì 3 luglio, alle 18.30.

Nato dalla collaborazione tra il Comune di Modena, Er.Go, l’azienda regionale per il diritto agli studi superiori, la Fondazione San Filippo Neri e la Cooperativa Ostello San Filippo Neri, “SFN Lab” si propone come spazio libero di aggregazione aperto agli studenti, agli ospiti dell’ostello e a tutti i giovani modenesi, dove realizzare attività come seminari, workshop, lavori di gruppo, affiancamento individuale, principalmente nei settori lavoro e occupabilità, per esempio con laboratori di navigazione guidata alle novità normative e alla ricerca on line del lavoro; volontariato e cittadinanza attiva, favorendo l’accesso alle informazioni sulle diverse attività; mobilità e territorio, promuovendo la conoscenza del patrimonio modenese; creatività, soprattutto attraverso le tecnologie digitali da applicare a grafica, scrittura e musica.

“La scelta della location – spiega Maurizio Castignetti, presidente della Fondazione San Filippo Neri – è per noi significativa per il lavoro della Fondazione che continua da più di due secoli. La mission di questo spazio è in linea con l’obiettivo dell’educazione e della formazione dei ragazzi che avranno a disposizione strumenti e mezzi di apprendimento, ma soprattutto un’opportunità di crearsi dei momenti di socialità e scambio culturale”.

“Questo luogo è il primo esempio concreto di una evoluzione della Rete Net Garage – commenta Giulio Guerzoni, assessore alle Politiche giovanili del Comune di Modena – una delle eccellenze del Comune di Modena che occorre mantenere e rilanciare allo stesso tempo. È un’area di sosta libera, partecipata e attiva che arricchisce il centro storico. Qui giovani potranno trovare dei servizi o anche semplicemente un luogo in cui migliorare la propria quotidianità in condivisione con gli altri”.

Nello spazio Lab del San Filippo Neri, composto da una sala connessa a una rete informatica da utilizzare anche come luogo di studio, un cortile interno e uno esterno, soggiorno e spazi comuni, cucina e punto ristoro, sarà possibile, per tutti gli studenti universitari, studiare fino alle 23.30: “Aprendo questo spazio – sottolinea l’assessore comunale alla Cultura e ai Rapporti con l’Università Gianpietro Cavazza – diamo quindi anche una risposta concreta all’esigenza espressa dagli stessi studenti universitari di un luogo dove studiare tranquillamente anche la sera”.

All’inaugurazione di venerdì 3 luglio, aperta a tutti, interverranno gli assessori Guerzoni e Cavazza; l’assessore regionale alle Politiche giovanili Massimo Mezzetti; il presidente della Fondazione San Filippo Neri Maurizio Castignetti; Patrizia Mondin, direttrice di Er.Go; Francesco Campaniello, direttore dell’Ostello.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giovani, apre un nuovo lab per lo studio e l'aggregazione

ModenaToday è in caricamento