Cronaca

Strage di Monchio: dopo le 17 condanne, si chiederà l'estradizione

L'appello del presidente del consiglio provinciale Demos Malavasi: "Intendiamo promuovere il ricordo della strage offrendo una sede a Palagano agli atti del processo"

Se saranno confermate le condanne nei due prossimi gradi di giudizio previsti, il Governo italiano dovrà chiedere l'estradizione. Ma già da ora occorre che il Parlamento non proroghi gli effetti di un decreto in scadenza alla fine di quest'anno che sospende l'esecuzione delle sentenze di risarcimento ai danni dello Stato tedesco, un problema che coinvolge le 72 parti civili modenesi del processi di Monchio. E' la sollecitazione di Demos Malavasi, presidente del Consiglio provinciale di Modena, dopo la sentenza del Tribunale militare di Verona per la strage di Monchio, Costrignano e Susano, compiuta il 18 marzo 1944, quando i nazisti della divisione 'Herman Goehring' uccisero 140 cittadini. "Ora - prosegue Malavasi - intendiamo valorizzare e promuovere il ricordo della strage anche offrendo una idonea sede a Palagano, in accordo con il Comune, agli atti del processo e la relativa documentazione come patrimonio storico e di ricerca della comunità. Ogni eventuale risorsa proveniente dai risarcimenti sarà destinata a questi progetti".

(ANSA)

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Strage di Monchio: dopo le 17 condanne, si chiederà l'estradizione

ModenaToday è in caricamento