rotate-mobile
Giovedì, 7 Luglio 2022
Cronaca

Da Modena a Nuova Delhi, la summer school degli studenti Unimore

Valige pronte per 17 studenti Unimore che da domenica 30 agosto lasceranno l'Italia per raggiungere l'India, in particolare l'Amity University di New Delhi, dove dal 31 agosto al 19 settembre 2015 seguiranno la seconda edizione dell'India Immersion Program

Diciassette studenti di lauree magistrali  di diversi dipartimenti di Unimore - Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia si apprestano da domenica  30 agosto a vivere un’esperienza molto singolare e che potrebbe segnare una svolta non solo nel loro percorso di studi, ma certamente anche nella loro vita professionale. Grazie ad un’iniziativa dell’Ateneo, realizzata in collaborazione con Octagona Srl, società di consulenza all’internazionalizzazione, con uffici in diverse parti del mondo e che, con la sede di New Delhi (India), offrirà un supporto di tipo relazionale ed operativo allo svolgimento del progetto, questo gruppo di studenti potrà partecipare ad uno stage intensivo, che si terrà in India.

L’India Immersion Program, nome scelto per questa summer school, porterà il gruppo di studenti Unimore nel paese asiatico per tre settimane, dove da lunedì 31 agosto a sabato 19 settembre 2015 presso l’Amity University di New Delhi, una delle più prestigiose sedi accademiche indiane, potranno seguire lezioni, seminari, visite aziendali presso aziende indiane o in sedi di imprese italiane in India (ad esempio, CNH, CMB, ecc…), nonché raccogliere preziose testimonianze di rappresentanti delle istituzioni italiane presenti in India, dall’Ambasciata all’ICE, e di enti culturali colà operanti.

Unimore attraverso questo progetto, giunto alla sua seconda edizione, prosegue spedita sulla strada dell’internazionalizzazione seguendo la scia tracciata dalle imprese del nostro territorio, sempre più alla ricerca di nuovi mercati esteri e di sbocchi per i nostri prodotti ed il nostro know-how. Tra questi un particolare rilievo lo ha il mercato indiano che, per le sue dimensioni e potenziale di sviluppo, rappresenta una delle mete sempre più frequentate dalle imprese manifatturiere emiliane. Si tratta di un subcontinente, che presenta forti tratti di specificità in termini di regole, logiche competitive, distanza fisica, e ancor più culturale. 

L’interesse del territorio per questo progetto è testimoniato dal sostegno economico offerto da  diversi importanti attori del sistema economico locale e nazionale, Confindustria Modena, CMB, CNH, Panaria Group, SACMI, BPER Banca, Unicredit, i quali credono che la dotazione di risorse umane, con un adeguato profilo di conoscenza e capacità di integrazione con il contesto locale, rappresenta un asset essenziale per le nostre imprese sulla via dell’India.

L’obiettivo comune è quello, pertanto, di contribuire con questa iniziativa alla affermazione della cultura dell’internazionalizzazione a livello di impresa e di sistema socio economico all’interno della nostra regione. ‘’Il successo della prima edizione  – commenta il prof. Tiziano Bursi del Dipartimento di Economia “Marco Biagi” di Unimore, promotore dell’iniziativa – costituisce una delle principali ragioni che  hanno  spinto al  lancio della seconda edizione del programma. Investire nella formazione di capitale umano e farlo insieme alle imprese è la strada da percorrere per accrescere il profilo  internazionale del nostro  sistema socio-economico’’.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da Modena a Nuova Delhi, la summer school degli studenti Unimore

ModenaToday è in caricamento