Immigrazione, dopo i ricorsi il Tar cancella la tassa sul permesso di soggiorno

Su impulso della Cgil, che segue le pratiche per molti stranieri anche a Modena, il Tribunale ha esaminato e poi dichiarato illegittima la tassa. Il sindacato esulta: “Il Governo redistribuisca i soldi a chi ha pagato”

Termina un iter iniziato nel 2012 quando l'Inca-Cgil aveva presentato ricorso sul contributo aggiuntivo per il rilascio e il rinnovo del permesso di soggiorno dei cittadini immigrati, chiedendone l'annullamento. Sulla vicenda si è espressa nello scorso mese di settembre la Corte di Giustizia Europea, dichiarando la soprattassa sui permessi di soggiorno, che varia da € 80 a € 200, come ingiusta e sproporzionata rispetto a quanto richiesto ad un cittadino italiano per il proprio documento di identità. 

Adesso anche il Tar del Lazio ha cancellato ogni dubbio circa l’illegittimità del balzello imposto agli stranieri in Italia, accogliendo quindi tutte le richieste di Cgil e Inca e rigettando le obiezioni, a cui si sono aggrappati la presidenza del Consiglio dei Ministri e i ministeri dell’Economia e degli Interni nell’estremo tentativo di difendere la tassa imposta agli immigrati. 

“Siamo stati i primi a contestare la misura che da subito abbiamo considerato ingiusta, discriminatoria e incompatibile con le direttive europee – affermano Maura Romagnoli direttore patronato Inca-Cgil Modena e Claudio Riso della segreteria Cgil - per questo riteniamo che si tratti di una vittoria non soltanto del sindacato, ma di tutti i cittadini stranieri presenti in Italia che chiedono di poter affermare il loro diritto all’integrazione, senza dover passare da odiosi ed esorbitanti balzelli”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Il dispositivo del Tar a questo punto è immediatamente operativo ed è perciò indispensabile che il Governo e l’amministrazione pubblica si adeguino, senza perdere altro tempo – concludono Cgil e Inca – provvedendo a cancellare da subito la tassa sui permessi di soggiorno predisponendo la procedura per restituire la tassa ingiusta a quanti l’hanno già pagata”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo amore per Nicoletta Mantovani, la vedova Pavarotti sposa a settembre

  • Coronavirus, 39 nuovi casi positivi in regione: 10 sono a Modena

  • Incidente in via Pancaldi, non ce l'ha fatta lo scooterista di 55 anni

  • Coronavirus, 69 nuovi casi in regione. La metà tra Bologna e Reggio Emilia

  • Coronavirus. Tampone obbligatorio per chi rientra da Spagna, Grecia, Croazia e Malta

  • Covid, famiglie e imprese dovranno segnalare i rientri dall'estero. Poi quarantena in hotel

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento