Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca

Viminale e Prefettura sbagliano città di nascita, pachistano vince al Tar

"Palese travisamento", ricorso al Tar a lieto fine a Modena per uno straniero che aveva fatto richiesta di cittadinanza italiana vedendosela negata

La città di nascita riportata sia nel suo certificato di nascita (Faisalabad) sia in quello penale (Toba Tek Singh) è la stessa, pur essendo indicata con nomi differenti nei due documenti. Perché? Perché Toba Tek Singh è diventato distretto autonomo solo dal 1982, mentre alla data di nascita del protagonista di questa storia (il 18 settembre 1980) faceva ancora parte del distretto di Faisalabad. È l'equivoco che ha tenuto banco in Prefettura a Modena a danno di Azeem Athar, cittadino pachistano che si è visto negare la cittadinanza italiana ma che, adesso, ha vinto al Tar.

Il suo ricorso contro il ministero dell'Interno, difeso dall'avvocatura distrettuale dello Stato di Bologna e ora pronto a pagargli 3.000 euro di spese di giudizio, oltre ai costi accessori di legge, è stato accolto dal Tribunale amministrativo regionale dell'Emilia-Romagna, presieduto dal giudice Andrea Migliozzi.

Il pachistano ha fatto ricorso al Tar per annullare il decreto della Prefettura di Modena del 5 settembre del 2018 con il quale, prima, è stata dichiarata inammissibile la domanda di riconoscimento della cittadinanza italiana presentata già il 28 maggio del 2015, e, poi, con cui è stata respinta l'istanza di annullamento in sede di autotutela dello stesso provvedimento di inammissibilità, avanzata dal diretto interessato l'11 settembre 2018. Nella vicenda non manca inoltre un ricorso precedentemente presentato al giudice ordinario, dichiarato inammissibile per "difetto di giurisdizione". Il pachistano non si è arreso e0, ritenendo illegittimi i provvedimenti prefettizi impugnati per "violazione e falsa applicazione" di diversi articoli di legge, ha sostenuto in particolare che, in realtà, non vi sia alcuna "discrasia" sul suo luogo di nascita, che è all'origine della dichiarazione di inammissibilità della domanda presentata per ottenere la cittadinanza italiana 'per naturalizzazione'.
 
Nella sentenza del Tar (visionata dalla 'Dire'), tra l'altro, si legge che il ricorrente aveva comunicato alla Prefettura che avrebbe inviato tutta la documentazione ufficiale, non appena fosse stata fornita dalle autorità pachistane. Tuttavia, il Palazzo del governo di Modena non ha dato "alcun seguito e riscontro" a quanto osservato dal cittadino pachistano nell'istanza di annullamento in autotutela del provvedimento di inammissibilità, anzi "ribadendo pedissequamente la propria precedente determinazione negativa". Soprattutto, la Prefettura avrebbe dovuto concedere all'interessato almeno i 30 giorni previsti dal relativo procedimento per potere integrare quanto allegato all'istanza, "fornendogli, altresì, le opportune indicazioni del caso", ma questo dunque non è accaduto. Anzi, il Viminale, costituitosi in giudizio, aveva chiesto che il ricorso fosse respinto "in quanto infondato". Insomma, c'è stato "un palese travisamento dei fatti", rincara il Tar rivolto alla Prefettura. Si aggiunge ancora nella sentenza del Tribunale amministrativo regionale: "La 'discrasia' sul luogo di nascita del richiedente il riconoscimento della cittadinanza rilevata dalla Prefettura di Modena si è dimostrata del tutto insussistente".

(DIRE)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Viminale e Prefettura sbagliano città di nascita, pachistano vince al Tar

ModenaToday è in caricamento