Via Emilia Ovest, in manette l'ennesimo tassista delle lucciole

I Carabinieri hanno fatto scattare le manette a un 36enne milanese residente a Palagano dedito al trasporto e all'assistenza di prostitute: si tratta del terzo "tassista" arrestato nel giro di qualche mese

Evidentemente quella di tassista delle lucciole pare essere un'attività capace di dare soddisfazioni professionali di un certo livello, vista la proliferazione di questo "mestiere", nonostante l'attività di controllo delle Forze dell'Ordine, con gli arresti nei mesi scorsi di un pensionato reggiano e di un disoccupato sassolese. Nella giornata di ieri, infatti, i Carabinieri della Compagnia di Modena hanno arrestato L. B., 36enne milanese residente a Palagano, operaio, con l'accusa di favoreggiamento della prostituzione. L'uomo è stato colto in flagranza di reato mentre, con la sua auto, forniva un servizio di trasporto gratuito alle prostitute di via Emilia Ovest fino al confine con Reggio Emilia accompagnando nei luoghi prefissati le giovani donne impegnate nel "meretricio". L’arrestato è stato condotto presso la casa circondariale di Modena a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna verso il ritorno in zona gialla, "Ma evitiamo terza ondata"

  • Addio a Benny, l'imprenditore dei bar modenesi

  • Carpi, presentata istanza di fallimento per la Arbos

  • Coronavirus, curva in flessione per la prima volta. Modena ancora al vertice

  • Bonaccini annuncia: "Torneremo zona gialla, ma fra una settimana"

  • Contagio a Modena, 573 nuovi casi e 7 decessi. Ricoveri stabili

Torna su
ModenaToday è in caricamento