rotate-mobile
Mercoledì, 6 Luglio 2022
Cronaca

Sicurezza, dopo Parigi si alza la soglia di attenzione in città

Anche Modena ha visto un tavolo di coordinamento sulla sicurezza, per fare il punto sulle strategie di coordinamento fra i vari corpi, alla luce dell'escalation terroristica. Intelligence al lavoro

Si susseguono gli incontri di coordinamento tra le forze dell'ordine in Prefettura. Un appuntamento fisso che di volta in volta assume un significato diverso alla luce delle temporanee emergenze che la città e la provincia vivono. Se nelle ultime settimane vi era stato l'allarme furti, poi è arrivato quello in vista delle festività e del Giubileo. E ora, ovviamente, la minaccia terroristica rappresentata dall'escalation parigina di matrice islamista.

Così, anche questa mattina il Comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica si è riunito nelle sale della Prefettura. All'ordine del giorno le possibili implicazioni locali dell'attività dei nuclei terroristici che fanno riferimento allo Stato Islamico: così come il Ministero dell'Interno ha innalzato la soglia di guardia a livello nazionale, così è stato fatto su ogni territorio.

“Sono stati affrontati, in una dimensione allargata, gli aspetti relativi alla sicurezza ed all’ordine pubblico in conseguenza dei tragici avvenimenti”, si legge nella nota della Prefettura. In particolare, sono stati presi in considerazione tutti i profili rilevanti dal punto di vista della salvaguardia della vita e dell’integrità delle persone, attraverso l’analisi degli obiettivi che, a seguito dei drammatici accadimenti, risultano essere maggiormente sensibili ed esposti a rischio. Nello specifico, tra questi, i luoghi di aggregazione e di grande richiamo di pubblico, i luoghi di culto, le sedi istituzionali, gli snodi ferroviari e stradali, ed i siti e strutture che, per la loro natura, possiedono un alto valore simbolico. 

Il Comitato ha garantito che sarà sviluppata e potenziata una mirata attività informativa ed investigativa ad ampio raggio, attività che ovviamente si svolge costantemente, lontano dagli occhi indiscreti dei media e da quelli comuni della cittadinanza. Del lavoro di intelligence poco si conosce e poco si deve conoscere.

Su di un piano più tangibile, tutte le forze dell'ordine presenti sul territorio hanno confermato “la massima intensificazione dei servizi di prevenzione e vigilanza, nonché dei dispositivi di controllo del territorio”. Tra Esercito e squadre speciali della Polizia la presenza lungo le strade è certamente aumentata, così come negli ultimi tempi sono aumentate le pattuglie “ordinarie” che operano in città: un livello di impegno che difficilmente potrà alzarsi ancora in termini numerici, stante le disponibilità di uomini e risorse dei diversi corpi.

La riunione odierna ha avuto “ospiti” particolari, con il Comando provinciale dei Vigili del Fuoco che a sua volta è stato opportunamente sensibilizzato ad un innalzamento del livello di operatività e di pronto intervento con ogni strumento a diposizione, coordinando anche alcune strategie con le forze dell'ordine.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sicurezza, dopo Parigi si alza la soglia di attenzione in città

ModenaToday è in caricamento