Castelfranco: trasportava prostitute con la monovolume, arrestato

In manette un altro tassista delle lucciole: in manette un bolognese di 44 anni ritenuto componente di un'organizzazione criminale dedita alla tratta di giovani donne dall'est europeo per lo sfruttamento della prostituzione

Non bastava il sexy-taxi in auto, ora c'è anche chi si organizza con i furgoni o altri mezzi capaci di trasportare il maggior numero possibile di passeggeri. Questa la conclusione a cui sono approdati i Carabinieri della Compagnia di Modena dopo un'indagine che ha portato all'arresto di un 44enne originario di Crespellano, Bologna, con l'accusa di favoreggiamento della prostitutizione. Utilizzando un monovolume, l'arrestato prelevava quotidianamente da un'abitazione di Casalecchio di Reno alcune giovani, tutte di origine serba, per accompagnarle sul tratto modenese dell'asse di via Emilia, al confine tra il centro bolognese di Crespellano e Castelfranco Emilia. Stando all'attività di investigazione svolta dal personale dell'Arma, l'uomo avrebbe fatto parte di un sodalizio criminale dedito alla riduzione in schiavitù e alla tratta di donne dall'est europeo per lo sfruttamento del mercato del sesso. Nella serata di ieri è scattato il blitz dei Militari: appena l’uomo ha lasciato l’ultima ragazza, è stato immediatamente bloccato e arrestato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna verso il ritorno in zona gialla, "Ma evitiamo terza ondata"

  • Addio a Benny, l'imprenditore dei bar modenesi

  • Carpi, presentata istanza di fallimento per la Arbos

  • Bonaccini annuncia: "Torneremo zona gialla, ma fra una settimana"

  • Nuova ordinanza regionale, riaprono i negozi di piccole e medie dimensioni

  • Coronavirus, casi stabili in regione. A Modena un nuovo picco

Torna su
ModenaToday è in caricamento