Via Emilia Ovest: taxista delle lucciole in cambio di sesso

In manette un 43enne che, offrendo un puntuale servizio di trasporto e di supporto logistico, riceveva in cambio prestazioni sessuali gratuite da tre prostitute. Arresto dei Carabinieri di Modena

Dopo un periodo di pausa, tornano in auge i tassisti delle lucciole di via Emilia Ovest. Sono stati Carabinieri della Compagnia di Modena a porre fine all'attività illecita di un operaio 43enne modenese che, in cambio di prestazioni sessuali gratuite, forniva trasporto e assistenza logistica a tre lucciole albanesi lungo via Emilia Ovest. L'uomo, incensurato, è stato tratto in arresto la scorsa notte con l'accusa di favoreggiamento.

Secondo le indagini svolte dai militari dell’Arma, da diversi mesi l'arrestato provvedeva a trasportare a bordo della propria auto le tre straniere, accompagnandole dalle rispettive abitazioni alla postazione sulla strada e viceversa. Durante l’attesa tra un cliente e l'altro, l’uomo portava alle ragazze bevande calde, sigarette e altri generi di conforto. La contropartita per i servizi offerti? Prestazioni sessuali gratuite. Dopo essere stato bloccato all’accompagnamento serale di inizio “turno lavorativo” delle prostitute, il 43enne è stato dichiarato in stato d’arresto e quindi ristretto ai domiciliari in attesa di giudizio di convalida e direttissima.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna in zona gialla da domenica: Bonaccini: "No al coprifuoco natalizio"

  • Bonaccini annuncia: "Torneremo zona gialla, ma fra una settimana"

  • Nuova ordinanza regionale, riaprono i negozi di piccole e medie dimensioni

  • Coronavirus, casi stabili in regione. A Modena un nuovo picco

  • Dpcm Natale 2020, approvato il decreto che vieta gli spostamenti tra regioni e comuni

  • Coronavirus. In regione il 13,8% dei tamponi è positivo. Modena resta la peggiore per nuovi contagi

Torna su
ModenaToday è in caricamento