rotate-mobile
Venerdì, 19 Agosto 2022
Cronaca Cognento / Strada Cognento

Tecnici Suez: liberati gli ostaggi dopo sei giorni di sequestro

L'intervento della diplomazia ha sortito gli effetti sperati: il tecnico modenese Giovanni Gualtieri e i suoi colleghi sono stati rilasciati e condotti in un villaggio turistico in attesa del ritorno a casa

Stanno bene e nessuno si è fatto male. Dopo sei giorni di sequestro, ieri, giovedì 8 marzo, sono stati liberati  alle ore 22:30 gli otto tecnici italiani rinchiusi in una sala conferenze della Cleopatra Ceramics di Suez per una protesta sindacale attuata dagli operai dello stabilimento. Così come i suoi colleghi reggiani, anche il tecnico modenese Giovanni Gualtieri, 41enne residente a Cognento, versa in ottime condizioni di salute. Iniziate fin dai primi momenti di tensione nei giorni scorsi, le trattative condotte dalla Farnesina e dall'Ambasciata italiana al Cairo hanno permesso di mantenere i contatti con gli otto tecnici sequestrati. Le pressioni fatte sul Consiglio Supremo delle Forze Armate al più alto livello e sul il ministro degli Esteri egiziano hanno sortito gli effetti sperati. Alle 22:30, il sospiro di sollievo: la porta della sala conferenze che si apre e la libertà. Gli otto tecnici sono stati accolti in un villaggio turistico dove hanno potuto ricevere i primi conforti del caso: nelle prossime ore dovrebbero prendere il primo aereo per fare ritorno a casa.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tecnici Suez: liberati gli ostaggi dopo sei giorni di sequestro

ModenaToday è in caricamento