rotate-mobile
Cronaca Mirandola / Piazza della Costituente

Terremoto, manifestazione a Mirandola per sabato 7 dicembre

Appuntamento in piazza Costituente per protestare contro la burocrazia che rallenta la ricostruzione della Bassa Modenese. Al centro della contestazione anche il fisco e le ordinanze emesse dalla Regione

Contro la burocrazia che rallenta la ricostruzione. Sarà questo il tema principale della manifestazione indetta dai cittadini terremotati che si terrà il prossimo sabato 7 dicembre in piazza Costituente a Mirandola. A farlo sapere il comitato Sisma. 12 che lunedì sera ha incontrato anche gli agricoltori del cratere.

Tra i punti normativi contestati, c'è l'articolo 5 dell' ordinanza 119 dell'Emilia Romagna che esclude molti immobili rurali, come rimesse e fienili, da quelli per cui possono essere impiegati fondi per la ricostruzione. Una raccolta firme è stata avviata e il comitato annuncia il prossimo ricorso al Tar per annullare la norma. Le popolazioni colpite dal sisma del maggio 2012 sottolineano poi le grosse difficoltà da affrontare sul fronte fiscale. "A fine anno – hanno spiegato i rappresentanti di 'Sisma.12' – le aziende che avevano ottenuto il finanziamento, anticipato dalle banche e garantito dallo Stato, per pagare le tasse devono restituire la prima rata pari a un terzo, ma circa l’80% delle aziende non riuscirà a farvi fronte". 'Sisma.12' evidenzia poi il mancato inserimento della garanzia dello Stato alla convenzione Abi-Cassa Depositi e Prestiti della 'Cambiale Errani' ottenuta dal terremotato. Il timore di chi vive nel cratere è che una variazione della normativa di riferimento possa far ricadere sul cittadino i costi sostenuti dallo Stato per i contributi erogati in accordo con le banche.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terremoto, manifestazione a Mirandola per sabato 7 dicembre

ModenaToday è in caricamento