rotate-mobile
Sabato, 13 Agosto 2022
Cronaca

Terremoto in Emilia, conto corrente di solidarietà anche dal Credem

L'istituto di credito reggiano ha attivato un conto corrente di solidarietà (IBAN: IT08 O030 3212 8000 1000 0062 281, causale "sisma in Emilia") e diverse agevolazioni per le popolazioni colpite dal sisma

Credem ha messo a disposizione un conto corrente presso la sede di Reggio Emilia IBAN: IT08 O030 3212 8000 1000 0062 281 (causale da indicare  “sisma in Emilia”) per raccogliere fondi provenienti da tutti coloro che vorranno partecipare al sostegno delle popolazioni, famiglie e imprese, colpite dal terremoto verificatosi negli ultimi giorni. Sarà possibile per chiunque partecipare alla raccolta con versamenti e bonifici sia attraverso il proprio istituto, sia presso le filiali o i canali virtuali di Credem.

Tutti i bonifici realizzati attraverso la rete Credem saranno esenti da commissioni e da spese. Le somme raccolte saranno interamente destinate alla Protezione Civile Emilia Romagna. Anche l’istituto e Proteo, l’associazione dei dipendenti della banca, dopo le relative delibere contribuiranno con donazioni alla raccolta.

Questa iniziativa si aggiunge ad un plafond di 50 milioni di euro predisposto nei giorni scorsi da parte della banca per famiglie ed imprese produttive clienti operanti nei comuni colpiti dal sisma destinato a finanziamenti dedicati e alla sospensione totale o parziale dei rimborsi delle rate dei finanziamenti già in essere.

Le linee di credito per esigenze temporanee di liquidità saranno concesse a condizioni agevolate e con una durata massima di 18 mesi sia per le famiglie sia per le imprese. I finanziamenti saranno invece messi a disposizione senza spese di istruttoria e di estinzione anticipata con durata massima di 10 anni per le famiglie e di 24 mesi per le imprese. Queste ultime potranno anche finanziare la sostituzione dei macchinari danneggiati attraverso operazioni di leasing a condizioni agevolate erogate da Credemleasing (gruppo Credem).

Per quanto concerne la moratoria sui prestiti sarà possibile richiedere la sospensione totale (quota capitale e interessi) o parziale (solo quota capitale) sia per quelli a lungo termine sia per i prestiti personali. La sospensione potrà essere attivata per un massimo di 12 mesi per i privati e potrà arrivare a 18 mesi per le aziende.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terremoto in Emilia, conto corrente di solidarietà anche dal Credem

ModenaToday è in caricamento